Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

L’acqua della piscina diventa verde, intervengono Asm, Arpab e carabinieri foto

Impianto chiuso. La segnalazione degli ospiti di un villaggio a Marina di Pisticci

Più informazioni su

Una fioritura algale sarebbe la causa della colorazione verde di una piscina in un resort di Marina di Pisticci chiusa, a scopo precauzionale, dopo l’intervento di Asm, Arpab e carabinieri. La segnalazione arriva dagli ospiti del TI Blu Village che si sono rivolti alla nostra redazione per lamentare l’inconveniente.

“Già lunedì (31 luglio ndr)-ci raccontano alcuni villeggianti- ci eravamo accorti che l’acqua della piscina stava cambiando colore. Negli ultimi due giorni, poi, diverse le persone, soprattutto bambini, che avrebbero manifestato problemi di otite e alla pelle e che per questo motivo hanno dovuto far ricorso all’infermeria. Ieri l’intervento dell’Asm e dell’Arpab, oltre che dei carabinieri.

I tecnici dell’Agenzia per la protezione dell’Ambiente della Basilicata hanno effettuato prelievi di campioni dalla piscina. Al momento- aggiungo i clienti del resort-sappiamo che nell’acqua della piscina sarebbe stata trovata una fioritura algale. Forse hanno contribuito le alte temperature di questi giorni, ma ci meraviglia il fatto che non siano state prese le dovute precauzioni per fare in modo che non accadesse.

Chi esercita questo tipo di attività dovrebbe essere esperto di tali fenomeni. E poi- affermano ancora- a questo punto è lecito dubitare che le acque della piscina non fossero state sottoposte da un trattamento efficace per evitare questo tipo di fenomeni”.

Da questa mattina, per precauzione, la piscina è stata chiusa, nella serata di ieri un trattamento d’urto per ripulirla. “Questa cosa- sottolineano ancora i turisti- non ci fa stare tranquilli considerato che sono state usate sostanze chimiche per ripulire l’acqua e quindi non potremo immergerci.

Non nascondiamo il nostro rammarico per quanto accaduto, avevamo scelto questo posto proprio perché dotato di una piscina quindi la sua chiusura, in parte ci rovina la vacanza”. Proprio in virtù di ciò gli ospiti hanno organizzato una raccolta firme, a cui hanno aderito in meno di due ore più di 130 famiglie, per presentare un reclamo alla direzione del resort. Il villaggio, ospita circa mille persone, provenienti da diverse regioni d’Italia.

Più informazioni su