Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Concorso Nino Rota, a Matera e Taranto la seconda edizione

Iscritti 132 musicisti provenienti da tutto il mondo

Più informazioni su

Dal 3 al 9 ottobre, a Matera e a Taranto, sarà in scena la seconda edizione del Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra “Nino Rota”, promossa dall’Istituzione Concertistica Orchestrale “Magna Grecia” (in collaborazione con I.S.A. Conducting Masterclass – L’Aquila).

«Un grande evento culturale e di promozione turistica per Matera e Taranto. Il Concorso – informa Piero Romano (ideatore e direttore artistico dell’ICO “Magna Grecia”) – è l’unico in Italia che prevede che i concorrenti si “misurino” sia sul repertorio sinfonico, orchestrale e cameristico, sia su quello lirico».

Si sono iscritti 132 musicisti provenienti da tutto il mondo. I 60 selezionati provengono da: Finlandia, Regno Unito, Stati Uniti, Messico, Svizzera, Brasile, Francia, Giappone, Corea del Sud, Spagna, Venezuela, Germania, Albania, Croazia, Polonia, Russia e Italia. 

Sessanta musicisti parteciperanno alla fase finale che si articolerà in tre eliminatorie e una finale in programma, dal 3 all’8 ottobre, presso l’Auditorium comunale “R. Gervasio” di Matera. La Giuria è composta dai Maestri: Günter Neuhold, György G. Ráth, Ulrich Windfuhr, Piero Romano, Augusto Vismara.

Sono previsti quattro premi: “Premio Nino Rota” con 2.000 euro, “Premio Istituzione Concertistico Orchestrale della Magna Grecia” con 500 euro, due “Premio Speciale del Pubblico” con 500 euro assegnati rispettivamente dalla giuria, dai Professori dell’Orchestra e direttamente dal pubblico dei due concerti finali in programma a Matera e a Taranto.

«L’Istituzione Concertistica Orchestrale “Magna Grecia” – continua Romano – coinvolge la partecipazione attiva del pubblico delle due città, Matera e Taranto, con la nuova formula del “concerto on demand”».

Più informazioni su