Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Masterplan Matera 2019, cresce preoccupazione degli imprenditori

Ma se non c’è neanche uno straccio di progetto come si fa a essere pronti per il 2019?

Cari Amministratori Comunali, la preoccupazione degli imprenditori circa la realizzazione del Masterplan per Matera 2019, più volte espressa in altre occasioni, si accresce man mano che ci si avvicina alla fatidica data e si amplifica tanto più che la crisi del settore delle costruzioni non accenna a diminuire nel nostro territorio.

Infatti, mentre i 7 interventi con risorse certe, previsti nel Contratto Istituzionale di Sviluppo, saranno appaltati da Invitalia entro il prossimo mese di gennaio, con l’aggiunta dell’opera affidata alla Fondazione, per un ammontare complessivo di quasi 30 milioni di euro, i 100 milioni di opere di diretta competenza dell’Amministrazione Comunale difficilmente troveranno attuazione nel 2019 per il semplice fatto che mancano ancora le progettazioni.

L’importo e l’importanza delle opere da realizzare è tale da alimentare il forte timore che non saremo pronti per il 2019. Non vorremmo correre il rischio che le risorse stanziate vengano impiegate per altri territori a causa della mancanza di progettualità, come accade sovente in Italia.

L’approssimazione e la superficialità con cui si sta procedendo, incuranti del tempo che passa, ci fa temere altri scivoloni come quello dell’appalto per il cine-teatro Kennedy.

Districandoci a fatica tra le cifre abbiamo compreso che il CIS prevede, tra l’altro, 106,4 milioni di euro per Matera 2019, opere che sono in capo al Comune e su cui non esiste, almeno per quanto è dato sapere, alcun progetto tale da poterle mandare in appalto entro breve tempo.

Considerati i tempi tecnici stabiliti dalla legislazione nazionale e attenendoci alla media richiesta in Italia per l’esecuzione di lavori pubblici, dalla pubblicazione del bando di gara alla fine dei lavori, è chiaro che nel 2019 per bene che ci vada potremo avere qualche cantiere aperto.

La cosa è tanto evidente che qualcuno ha anche pensato che non ci sia la reale volontà di realizzare queste opere infrastrutturali che darebbero un nuovo volto alla città e la preparerebbero per accogliere i turisti.

Pur volendo sorvolare sul fatto che molte di queste opere ricadono nell’ordinarietà di una pubblica amministrazione e non nella straordinarietà che ci si aspettava per Matera 2019, e dopo avere compreso quali saranno gli appalti di competenza dello Stato (Nastasi e Invitalia) e quali quelli di competenza comunale, resta il fatto che per rendere decorosa la città ai turisti che verranno non basta sistemare solo il centro, occorre un piano della viabilità urbana, cioè occorre il rifacimento di tutte le strade urbane nell’anno 2018.

Per rendere la città presentabile ai turisti – e anche più vivibile per i materani – devono coesistere opere maggiori, come per esempio il completamento della Tangenziale Ovest, e lavori di minore entità, come la sistemazione di strade, marciapiedi, fogne, ecc. Ma se non c’è neanche uno straccio di progetto come si fa a essere pronti per il 2019?

Perché il Governo non interviene con procedure in deroga avocando a sé il pacchetto completo, chiavi in mano?

Noi fatichiamo a capire di chi sono le competenze per la realizzazione delle opere, quali sono le risorse finanziarie realmente disponibili e soprattutto i tempi di realizzazione.

Ma Voi, cari Amministratori Comunali, che avete la responsabilità della gestione dell cosa pubblica, siete tutti corresponsabili oggi del rischio che corriamo e domani dell’eventuale fallimento e della figuraccia della città e della Regione Basilicata di fronte all’Europa.

Oltre tutto, avete operato una programmazione dimenticando che la legge impone un confronto preventivo con le associazioni imprenditoriali e le organizzazioni sindacali, cosa ad oggi mai avvenuta.

Vi avremmo ricordato, per esempio, che tra le priorità del territorio c’è la questione infrastrutturale, dei collegamenti e del sistema viario, per cui è necessario accelerare i tempi di cantierizzazione.

Vi avremmo parlato di opere comunali come il completamento della Tangenziale Ovest e di opere statali come l’adeguamento della strada statale 7 Matera-Ferrandina.

Vi avremmo detto che la Murgia-Matera-Pollino, la cui progettazione sarà consegnata nei primi mesi del 2018 e per la cui realizzazione l’Anas dispone di 337 milioni di euro, dovrebbe essere appaltata entro il 2018.

Vi avremmo detto che Piazza della Visitazione è uno snodo intermodale molto comodo e tale dovrebbe rimanere, prevedendo lì l’arrivo dei bus extraurbani di linea (studenti e lavoratori) e a Serra Rifusa quello degli altri bus (turistici, ecc.). Vi avremmo chiesto a che punto è la progettazione della riqualificazione delle periferie urbane.

Per questo motivo Vi proponiamo di coinvolgerci in un monitoraggio comune e costante sulle opere del Contratto Istituzionale di Sviluppo e, più in generale, di Matera 2019.

Le forze imprenditoriali e professionali della città sono disponibili a fare fronte comune per dare il proprio contributo e non per certificare un fallimento di tutti.

Massimo De Salvo, presidente Confapi Matera

Claudio Nuzzaci presidente Sezione Edili Confapi Matera