Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Abusi edilizi a Filiano, Amministrazione: Accelerare la definizione delle pratiche

Gruppo di maggioranza risponde ai consiglieri del M5S

Più informazioni su

 

Prendiamo spunto dalla nota diffusa dai colleghi consiglieri del Movimento 5 stelle per intervenire sulla questione del condono edilizio, rispetto al quale si stanno ultimando le istruttorie delle pratiche giacenti dal lontano 1986 e riferite alla legge n. 47 del 1985.

Questa breve premessa evidenzia, in maniera lampante, che si sarebbe dovuto provvedere sulle domande già da qualche decennio, cosa che, evidentemente, non avrebbe portato consensi alle amministrazioni che si sono succedute.

L’istituto del condono edilizio consente di sanare un’opera abusivamente realizzata (e quindi illegale) oggetto di autodenuncia da parte dello stesso cittadino, il quale, avendo violato le norme regolamentari, ha la necessità di definire giuridicamente ed urbanisticamente la proprietà, con ogni immaginabile conseguenza positiva per gli aventi causa, al fine di evitarne la demolizione.

La volontà del cittadino di definire la propria domanda di condono edilizio, quindi, coincide con quella dell’Amministrazione di definire la propria situazione giuridica.

Al contrario di quanto inopinatamente propalato dai nostri illustri colleghi consiglieri comunali, questa Amministrazione ha avuto l’indiscusso merito, il fermo coraggio e l’inusuale onestà, non solo di corrispondere alle ormai vetuste esigenze dei cittadini richiedenti, i quali – dietro domanda inoltrata – attendono (dopo 30 anni) una risposta, ma anche di recuperare somme dovute; conseguendo, così, il doppio risultato di dare finalmente certezza giuridica alle proprietà immobiliari dei filianesi oltre ad incamerare delle somme utili e dovute per legge.

Con questa operazione, lo si ribadisce, non si è badato a sterili rigurgiti di impopolarità, bensì, in ossequio a fondamentali regole contabili e di rispetto della legge, argomenti tanto cari (evidentemente ad intermittenza) ai nostri colleghi pentastellati, a ripristinare una legalità violata ma sanabile.

Non senza considerare che non si poteva, e non si può, discriminare una volta in più i nostri cittadini che hanno agito nel rispetto del regolamento edilizio in contrapposizione a chi lo ha volutamente violato.

Se da una parte, infatti, ci sono dei cittadini a cui la situazione “ingessata” potrebbe anche fare comodo, poiché nel limbo è preclusa ogni eventuale azione di carattere penale, ma tuttavia non di demolizione dell’immobile, dall’altra ci sono altri cittadini destinatari di eredità o intenzionati a vendere o comprare un immobile, per i quali la sanatoria di abusi risulta fondamentale.

Si rimarca il fatto che solo una legge dello Stato ha consentito loro di poter sanare gli abusi commessi e che, sempre in ossequio alla stessa legge, il Comune è chiamato a definire le relative domande, tanto che già nel 1998 sono state chieste integrazioni alle domande presentate.

Nella consapevolezza che stiamo agendo non soltanto per il buon andamento dell’Amministrazione, a mente dell’art. 97 della Costituzione e rispettando quanto previsto dalla stessa legge n. 47 del 1985, ma anche e soprattutto per il bene dei cittadini istanti, i quali reclamano la definizione delle loro legittime istanze, prova ne è il fatto che alcuni di essi sono nel frattempo deceduti in attesa di una risposta.

Pertanto, invitiamo la cittadinanza a non prestare ascolto a quanti demagogicamente invitano a una dannosa ribellione, non si sa in quale forma, poiché questa si risolverebbe a danno non tanto dell’Ente ma degli stessi richiedenti. È solo il caso di evidenziare che l’abuso edilizio è un illecito amministrativo che non si prescrive mai.

Gruppo di Maggioranza Democrazia Partecipata

Più informazioni su