Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Allarme sicurezza nel comune di Avigliano, il sindaco incontra le forze dell’ordine

Sono stati forniti dati ed elementi che, allo stato, non sembrerebbero giustificare un clima di allarme sociale diffuso

Nei giorni scorsi si sono tenuti una serie di incontri e interlocuzioni tra l’Amministrazione comunale ed i Comandanti delle stazioni dei carabinieri di Avigliano e Lagopesole, Carmine Cianciarulo e Sabino Santoro, sul tema della sicurezza e in merito ai tentativi di furti verificatisi sul territorio comunale, che hanno destato preoccupazione nella popolazione.

“Nel corso di tali incontri -spiega il sindaco Vito Summa-sono stati forniti dati ed elementi che, allo stato, non sembrerebbero giustificare un clima di allarme sociale diffuso.

Gli eventi verificatisi, apparirebbero circoscritti ad episodi specifici, che vanno comunque fronteggiati intensificando le attività di presidio e controllo costante del territorio, oltre ad un maggiore coordinamento tra Arma dei Carabinieri e Polizia Locale, mantenendo alto il livello di attenzione.

Proprio per garantire un monitoraggio costante della situazione- aggiunge Summa- l’Amministrazione intende istituire un tavolo di consultazione periodica tra Arma dei Carabinieri, Polizia Locale e forze dell’ordine, al fine di individuare azioni specifiche e rassicurare la cittadinanza, evitando in maniera assoluta la sottovalutazione dei fenomeni.

Nel corso degli incontri, inoltre, è emersa la necessità di invitare i cittadini ad una sempre maggiore collaborazione, segnalando immediatamente tutte le situazioni anomale che possono destare preoccupazione.

Solo attraverso una collaborazione stretta tra forze dell’ordine e cittadini-conclude il primo cittadino di Avigliano- unitamente ad una maggiore sensibilità di tutti rispetto a fenomeni nuovi che non appartengono alla storia delle nostre comunità, è possibile costruire presidi stabili e permanenti di prevenzione dei fenomeni criminali”.