Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Dati Svimez, bisogna smentire le peggiori Cassandre

Il commento di Angelo Rosella, segretario Italia dei Valori Basilicata

Più informazioni su

Quella previsione della Svimez – nel 2030 la Basilicata scenderà sotto i 500mila residenti – è da profezia delle peggiori Cassandre e al tempo stesso un monito che la politica lucana deve raccogliere e nei fatti smentire.

Al pari delle indicazioni socio-economiche che valgono per la nostra regione come per tutte le altre meridionali sintetizzabili in più lavoro ma salari da fame, record di poveri e cervelli in fuga, i dati pur positivi presenti vanno interpretati come incoraggiamento a fare di più e meglio.

La crescita dell’occupazione tra il 2016 e il 2015, più marcata nelle costruzioni (più 6,7%), nell’industria in senso stretto (più 4,5%) e nell’agricoltura (più 3,4%) non deve farci dimenticare che tra il 2000 e il 2016 abbiamo perso migliaia di posti di lavoro solo in parte recuperati o comunque trasferiti al precariato.

C’è poi la disoccupazione femminile (al Sud solo il 29% delle donne lavora, da noi ancora di meno) che è il gap da superare perché senza le donne il cosiddetto aggancio della ripresa è effimera.

Nell’export, altro fattore che Svimez indica con il segno più, pesa ancora troppo l’auto di produzione dello stabilimento Fca Melfi e poco l’alimentare che invece è il potenziale su cui puntare.

Per il turismo gli effetti sull’intero territorio di Matera 2019 sono solo un auspicio nonostante qualche primo segnale di incremento di arrivi e presenze turistiche grazie specie agli attrattori.

Sono elementi tutti su cui la maggioranza regionale di centrosinistra deve riflettere per ricalibrare la strategia di programmazione degli interventi e definire il programma di fine legislatura.

A partire da un nuovo atteggiamento che metta da parte organigrammi, postazioni a breve, medio e lungo termine, destini personali, e stabilisca le cose da fare a breve e medio termine, con la piena condivisione dei partiti di centrosinistra e delle forze sociali, chiamandoli tutti ad un responsabile sforzo per il presente e il futuro della comunità regionale.

Angelo Rosella, segretario Italia dei Valori Basilicata

Più informazioni su