Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Pensioni e occupazione, proseguono le iniziative di Cgil, Cisl e Uil

Un attivo unitario nell’ambito della campagna di mobilitazione

Domani, mercoledì 15 novembre, a partire dalle 9:30, a Potenza, al museo archeologico provinciale, in Via Ciccotti, Cgil Cisl Uil di Basilicata terranno un attivo unitario nell’ambito della campagna di mobilitazione per riformare le pensioni, dare lavoro ai giovani, difendere l’occupazione, garantire a tutti i cittadini una sanità efficiente e rinnovare i contratti.

All’ordine del giorno della riunione anche il lancio ufficiale del nuovo documento unitario per il lavoro e lo sviluppo messo a punto dalle segreterie confederali con l’obiettivo di rilanciare il confronto con la giunta regionale.

Il documento, che riprende e sviluppa alcuni dei temi già affrontati nel Manifesto per il lavoro – Basilicata 2020, è articolato in sette capitoli: industria 4.0, petrolio e automotive, forestazione, infrastrutture, Matera 2019, legalità e appalti, welfare, precariato.

L’attivo unitario è chiamato ad approvare il documento definitivo dopo la fase di confronto interno con le categorie. Il documento sarà poi inviato alla giunta regionale con la richiesta della riapertura del tavolo negoziale.

Per Cgil Cisl Uil “il mondo sindacale non può che affrontare con analisi e proposte le questioni ritenute essenziali allo sviluppo della nostra regione; questioni da porre alla base di un confronto istituzioni–sindacati, che si traduca in scelte che incidono sulla ripresa dell’economia, del reddito e del lavoro in Basilicata.

Occorre una energica manovra di politica economica regionale, coerente, proiettata in avanti e governata socialmente per aprire una fase nuova nel tempo della grande trasformazione e delle sfide globali che investono il Paese e il Mezzogiorno”.

Nota a cura dell’ufficio stampa Cgil-Cils e Uil