Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Educazione diffusa: il ruolo della scuola e delle istituzioni

Se ne parla a Melfi in un convegno organizzato dal M5S

“Stiamo assistendo al degrado della scuola, soprattutto dopo l’ultima riforma che, ironia della sorte o semplicemente per l’abitudine di mettere locuzioni o bei nomi a cose negative, porta il nome di “buona scuola”. Ritengo che l’istruzione sia fondamentale per la crescita sociale ed economica di un paese, tuttavia si tende a sottovalutarla e a minimizzarla. Questo- spiega la portavoce del M5S al Comune di Melfi, Angela Bisogno, il motivo del convegno che si terrà domenica 10 dicembre alle ore 17:30, presso la “Sala mostre” del Comune di Melfi, in Piazza Pasquale Festa Campanile  dichiara Angela Bisogno.

Nell’occasione si parlerà di problematiche e di soluzioni e a tal proposito sarà presentato il programma di governo del M5S sull’istruzione.”

Saranno presenti i Portavoce M5S alla Camera Mirella Liuzzi, Luigi Gallo, membro della Commissione Cultura e Angela Bisogno, Portavoce M5S al Comune di Melfi. Il dibattito sarà arricchito anche dal contributo di Maria Fortuna, docente all’Istituto Comprensivo Statale Berardi-Nitti di Melfi.

Secondo il M5S, l’istruzione deve tornare al centro delle politiche del governo affinché sia davvero gratuita, democratica e innovativa.

Riteniamo sia auspicabile una formazione che offra le stesse opportunità a tutti e che sappia valorizzare le capacità dei singoli.
“Il punto di partenza – spiega Liuzzi – è alzare la spesa pubblica per l’istruzione passando dal 7,9% di oggi al 10,2% della media europea.

Con queste risorse vogliamo arrivare ad avere edifici più sicuri e spazi adeguati, insegnanti motivati e valorizzati, un’offerta formativa più ampia per gli studenti, più ricerca e più innovazione didattica. In questo modo combattiamo la dispersione scolastica e realizziamo una vera inclusione”.