Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Macerata, per dire no al razzismo e al fascismo anche i lucani di Potere al popolo foto

"Siamo stati l'unica forza politica che ha parlato da subito di terrorismo"

Per il caso Macerata, a noi noto, il 10 febbario scorso si è svolto un corteo antifascista e antirazzista. Tutti hanno condiviso l’idea di mandare un segnale forte contro il vile attacco di Luca Traini a sei ragazzi di colore. L’attentato terroristico è stato condannato anche dall’Unione Europea che lo ha definito come un “episodio di inquietante razzismo e nazismo”.

“La totalità delle forze politiche – afferma Potere al Popolo – presenti attualmente in Parlamento si sono limitate a trattare il caso con indifferenza, bollando semplicemente Traini come un folle. Al contrario, noi siamo stati l’unica forza politica che ha parlato fin da subito e con fermezza di “atto di eversione di estrema destra” e di “terrorismo”, facendosi così promotore della manifestazione antifascista”.

“A prendere parte alla manifestazione di Macerata – aggiungono – vi era anche una delegazione di Potere al popolo – Basilicata, composta sia da alcuni militanti e candidati alle prossime elezioni politiche”.

“La manifestazione – afferma il candidato Potere al Popolo al seggio plurinominale della Camera Fabio Faggi – è stata un atto necessario per fare in modo che l’antifascismo militante potesse riprendersi le strade che qualcuno voleva in balìa della destra più becera”.

Mentre, Antonella Rubino, candidata Potere al Popolo al seggio uninominale della Camera, nel collegio di Potenza-Lauria, ha dichiarato che “Mai come oggi il razzismo è solo una delle facce del fascismo e non si può essere antirazzisti senza essere e soprattutto antifascisti. È una questione politica rilevante, posta già dalla Costituzione settant’anni fa”.