Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

E-commerce, crescita del 95,8% in Basilicata

"Il piccolo negozio lucano può, attraverso il web, avere un'ulteriore vetrina"

“In Basilicata – sottolinea la Confcommercio Imprese Italia Potenza – la crescita di iniziative imprenditoriali e-commerce nel giro di un anno è stata dell’8,5% e, nel giro di cinque (2017-2012) di ben il 95,8%”.

“Con 141 imprese del settore commercio on line – secondo i dati del Centro Studi Confcommercio, su rielaborazione regionale del Rapporto 2017 sull’e-commerce della Camera di Commercio di Milano – censite in Basilicata (91 in provincia di Potenza e 50 in quella di Matera) di cui 14 portali web dedicati (10 a Potenza e 4 a Matera), il negozio nell’era di Internet richiede una riposizione di mercato”.

“L’e-commerce in Italia – continua – vale attualmente poco meno di 24 miliardi di euro contro i circa 3 miliardi del 2005, con crescite medie annue a due cifre negli ultimi 12 anni e di oltre il 50% nei quattro anni scorsi. Non sorprende allora che il 6% delle vendite avvenga ormai online. Il maggior numero di acquirenti si trova nella fascia di età tra i 35 e i 44 anni”.

Un negozio fisico – secondo – Confcommercio per restare un punto di riferimento dello shopping deve: imparare a misurare la performance, sviluppare una strategia offline e online, assumere addetti appassionati e con competenza del prodotto.

Le imprese– dichiara il presidente di Confcommercio Imprese Italia Potenza Fausto De Mare – devono essere accompagnate in un percorso concreto di crescita sia in termini di competitività che di business. Internet è una rivoluzione inarrestabile.

Restare fuori non è più un’opzione possibile per nessun tipo di attività commerciale, men che meno per un piccolo negozio. Specie per l’alimentare lucano di qualità o di nicchia si aprono prospettive importanti che alcune imprese hanno mostrato di saper cogliere per far arrivare il pecorino di Moliterno, il caciocavallo o l’aglianico in Australia”.

“Il negozio – continua De Mare – può, attraverso il web, disporre di una “ulteriore vetrina” per intercettare i clienti, raccontare le proprie specificità, costruire una relazione, stimolare la visita al negozio fisico, promuovere iniziative e, laddove opportuno, concludere la vendita online”.