Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Grave violazione del diritto allo sciopero da parte della Asm. La denuncia dell’Ugl

Il sindacato invia sollecito e diffida

La Segreteria Ugl Sanità, segnala nuovamente, l’inadempienza informativa e procedurale per lo sciopero indetto per le giornate del 12 e 13 aprile 2018 dalle sigle sindacali Nursind e Nursing Up al quale abbiamo aderito attraverso tutte le comunicazioni formali redatte e diffuse dalla Segretaria Nazionale anche a mezzo stampa con un comunicato del Segretario Nazionale Gianluca Giuliano.

La Asm ad oggi (a 24 ore dallo sciopero) non ha ancora predisposti gli elenchi dei dipendenti precettati, ci risulta che solamente in alcune Unità Operative la P.O. hanno provveduto se pur con grave ritardo.

Tutto questo sta creando disagio ai dipendenti che vogliono aderire allo sciopero e che vogliono protestare contro la firma di un CCNL che non premia il merito e che non riconosce, dopo 9 anni di blocco aumenti stipendiali adeguati.

Volevamo ricordare che Il diritto allo sciopero e’ regolamentato con la legge n. 146 del 12 giugno 1990 e successivamente con l’Accordo Nazionale “Norme di garanzia dei servizi pubblici essenziali” del 25 settembre 2001 in cui vengono stabilite le norme sull’esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali che possono essere considerati, ai sensi di legge quelli volti a garantire il godimento dei diritti della persona, costituzionalmente tutelati, alla vita, alla salute, alla libertà ed alla sicurezza, alla libertà di circolazione, all’assistenza e previdenza sociale, all’istruzione ed alla libertà di comunicazione”.

L’Accordo all’art. 3 comma 3 recita:

la direzione generale dell’azienda – ovvero l’organo ad essa corrispondente negli enti del comparto secondo i rispettivi ordinamenti – individua, in occasione di ogni sciopero, di norma con criteri di rotazione, i nominativi del personale incluso nei contingenti come sopra definiti tenuti all’erogazione delle prestazioni necessarie e perciò esonerato dall’effettuazione dello sciopero.

I nominativi sono comunicati alle organizzazioni sindacali locali ed ai singoli interessati, entro il quinto giorno precedente la data di effettuazione dello sciopero. Il personale così individuato ha il diritto di esprimere, entro le 24 ore dalla ricezione della comunicazione, la volontà di aderire allo sciopero chiedendo la conseguente sostituzione nel caso sia possibile.

In ogni caso, per le prestazioni indispensabili relative alla “Assistenza sanitaria d’urgenza” di cui alla lettera A1) dell’articolo 2, va mantenuto in servizio il personale delle diverse categorie e profili normalmente impiegato durante il turno in cui viene effettuato lo sciopero. Per i contingenti di personale da impiegare nelle altre prestazioni indispensabili, va fatto riferimento ai contingenti impiegati nei giorni festivi, ove si tratti di prestazioni normalmente garantite in tali giorni”.

Ricordiamo inoltre che il personale precettato è tenuto a svolgere le attività pertinenti al proprio profilo per le sole “prestazioni indispensabili”.

Con questa comunicazione sollecitiamo la ASM alla formulazione dei precettati e ci auspichiamo di non incorrere più in gestioni anomale come questa. 

Giovanni Sciannarella, commissario Ugl Sanita Matera, Marco Bigherati referente aziendale Asm-Ugl Sanità