Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Ciclismo, successo per la prima Randonnée “La Via dei Templari” foto

Attestati di gradimento, da parte dei vari atleti giunti da tutta Italia

Mille e cinquecento km in auto sono stati ripagati dal calore e dalla simpatia con cui siamo stati accolti, dal percorso che nascondeva bellezze dietro ogni curva, dai ristori abbondanti e cordiali; abbiamo vissuto momenti epici, incontri commoventi, salite rifulgenti, non ci aspettavamo di scoprire la meraviglia del Monte Carmine uno scenario così bello e spettacolare. Le rinfrescanti e variopinte discese fino a scoprire Melfi, cittadina dal fascino discreto e particolare. L’organizzazione, poi, calorosa e accogliente al top. 

Scrivono così, sui social, i vari randonneur che hanno preso parte alla prima Randonnée denominata “La via dei Templari”, organizzata dall’Associazione Sportiva Dilettantistica “010Bike” di Melfi, a cui hanno partecipato domenica scorsa circa 200 ciclisti provenienti da tutta Italia.  La manifestazione ha preso vita lungo un percorso di 200 km che, dal Castello federiciano di Melfi, ha accompagnato gli atleti nei territori di Venosa, Maschito, Forenza, Acerenza, Oppido Lucano, Pietragalla, Monte Carmine e Lagopesole (Avigliano), Ripacandida, Rionero in Vulture e Barile, combinando sport, natura e cultura. Un evento nato per sostenere la pratica di un ciclismo diverso, non competitivo, slegato dall’assillo del cronometro, che promuovesse il meraviglioso territorio,  facendo vivere agli atleti, e agli accompagnatori ospitati a Melfi, un’esperienza emozionale unica alla scoperta delle bellezze e dei sapori della Basilicata.  

È stata una vera festa dello sport – dichiara Marco Celino, presidente dell’ASD 010 Bike – Il nostro territorio è stato straordinariamente apprezzato per le severe salite e i sorprendenti panorami che hanno lasciato letteralmente incantati i ciclisti. Le tantissime positive testimonianze, raccolte durante l’evento, dimostrano che questa modalità di fruizione del ciclismo è vincente e ben si presta ad essere volano turistico del nostro territorio. Fondamentale per l’organizzazione della manifestazione è stato il contributo delle Proloco di Melfi, Forenza, Oppido Lucano, Avigliano e Barile.

Con grande garbo – sottolinea Celino – hanno festeggiato e accolto i ciclisti ai punti di controllo, offrendo loro tipicità gastronomiche e un calore umano inaspettato. Il ringraziamento più grande va proprio a loro per l’impareggiabile lavoro. Un ringraziamo va anche al Centro Sportivo Italiano di Melfi, alle guardie eco zoofile, alle associazioni podistiche e motociclistiche di Melfi e a tutte le aziende che hanno contribuito e creduto nell’iniziativa”.