Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Manca l’acqua. Dialisi a cento chilometri

Comitato Difesa Ospedale di Tinchi: "Può succedere quindi, e magari sarà anche capitato all’insaputa di tutti, che un malato di reni di Nova Siri debba recarsi a Potenza, e viceversa, percorrendo 200 chilometri al giorno per tre volte a settimana"

Se dializzi e abiti a pochi chilometri dal centro dialisi di Policoro, ma a Policoro è vietato l’uso dell’acqua, il centro Dialisi privato ha già trovato la soluzione per i trattamenti,  quello di un probabile trasferimento a Potenza.

E’ l’amara sorpresa per i dializzati della fascia Jonica,  infatti,  sembra che il posto libero più vicino, secondo quanto dichiarato dal responsabile del centro privato agli organi di stampa,  sia proprio quello del centro nel capoluogo regionale,  a ben 100 chilometri di distanza dalla costa Jonica.  Da qui la decisione che può costare la vita ai dializzati, di firmare le dimissioni e rifiutare il trattamento,  compreso quelli che da un momento all’altro potrebbero essere costretti ad un trattamento d’urgenza.  Teniamo a precisare che i trattamenti  dialitici vengono effettuati  con  l’acqua potabile,  poi trattata biologicamente attraverso soluzioni  specifiche.

Tutto  questo  senza  tener  conto che i trattamenti sono  debilitanti,  e dopo la dialisi i malati devono sopportare lo stress e i traumi psicologici e le preoccupazioni di un lungo viaggio,  pazienti  già gravati da altre difficoltà.  Il privato si trova a Policoro,  i reparti  ospedalieri  a Tinchi e a Matera.  Può succedere quindi,  e magari sarà anche capitato all’insaputa di tutti,  che un malato di reni di Nova Siri debba recarsi a Potenza,  e viceversa,  percorrendo 200 chilometri al giorno per tre volte a settimana.

La direzione Asl potrebbe mettere agli atti un vincolo ben descritto,  quello di rilasciare il nulla osta ai pazienti che chiedono di farsi seguire da uno dei centri dialisi pubblici del Materano.  È necessario,  solo quando si  verificano problemi di emergenza sanitaria,  mettere i pazienti nelle condizioni di scegliere la struttura  indipendentemente dal  luogo della residenza del paziente e soprattutto dalle sue volontà.

Ricordiamoci che in passato la politica del titolare della Dialisi privata e dell’allora Sindaco di Policoro, contestarono  la  realizzazione del Centro Pubblico di  Tinchi, perchè distante a causa dell’assenza di sicurezza per  i pazienti,  stante,  ad esempio,  l’assenza della Rianimazione e dell’Utic  in caso di emergenza.  Oggi percorrere 100 chilometri  non è più un problema.

Il Comitato mette a conoscenza questa situazione inaccettabile,  augurandosi che possa servire a trovare una soluzione per il bene dei dializzati, poiché devono  percorrere 200 chilometri al giorno.  Le Asl dovrebbero garantire agli ammalati il diritto di scegliersi il luogo dove farsi  curare. Il loro compito,  maggiormente nelle situazioni di emergenza,  è quello di tutelare la salute e la sicurezza dei pazienti  contattando il centro pubblico più vicino alla residenza del malato.

Comitato Difesa Ospedale di Tinchi