Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Associazione Italiana persone down di Potenza compie 25 anni

Il 9 giugno un convegno al Museo archeologico provinciale

Più informazioni su

Sabato 9 giugno, alle ore 16:00, al Museo Archeologico Provinciale, si terrà il convegno “Verso l’autonomia: 25 anni di storie di vite in viaggio” – organizzato dall’Associazione Italiana Persone Down Onlus sezione di Potenza, per festeggiare i 25 anni dalla propria nascita, che data esattamente 1° giugno 1993.

In questi 25 anni -fa sapere l’associazione in una nota- il cammino dell’ AIPD di Potenza non si è mai arrestato. Quanto realizzato è tanto ma è poco nello stesso tempo in relazione agli obiettivi a cui miriamo: il perseguimento della vita autonoma e indipendente. I ragazzi dell’AIPD, grazie al loro percorso di vita sono diventati la testimonianza del cambiamento possibile: nel proprio rapporto con il territorio, nel modo di rapportarsi alla disabilità, nell’ aprire nuove frontiere e nuove prospettive.

Tutto questo è stato possibile grazie alla rete che l’AIPD ha creato con le famiglie, con gli operatori e i volontari, con la sede nazionale e le altre sezioni, con quanti in ambito cittadino e regionale vedono l’Associazione come un luogo di crescita e di condivisione delle problematiche e che ci sono stati vicini con un sostegno anche finanziario.
L’iniziativa-prosegue l’Aipd- in programma vuole essere un’occasione per riflettere su quanto fatto finora, per confrontarsi sull’inclusione delle persone con sindrome di Down nella società, sui rapporti dell’ Associazione con l’esterno e, naturalmente, per parlare di sogni e progetti per il futuro.

Al convegno, moderato dal giornalista Nino Cutro, interverranno Paolo Grillo, Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Persone Down, e Anna Contardi , coordinatrice Nazionale AIPD, nonché le famiglie, le persone con sindrome di Down, i datori di lavoro, i compagni di cammino.

 

 

 

Più informazioni su