Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Bonifica area Sin Tito Scalo, affidato servizio di caratterizzazione

Nel sito, nel 2013, fu rilevata radioattività oltre la soglia di legge

Affidato il servizio di caratterizzazione radiologica propedeutico alla bonifica del bacino fosfogessi dell’area ex Liquichimica di Tito Scalo.

La Stazione unica appaltante della Regione Basilicata (SUA-RB) ha, infatti, disposto l’efficacia dell’aggiudicazione della procedura di gara in favore dell’operatore economico R.T.I. Protex Italia Srl – Capogruppo Mandataria – in associazione con S.G.M. Srl e Apogeo Srl.

Espletate le procedure di sottoscrizione del contratto, si potrà finalmente dare inizio alla caratterizzazione radiologica del sito con l’obiettivo – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono- di dare concretezza all’intervento di bonifica e messa in sicurezza permanente del bacino fosfogessi (CBMT04), auspicando di chiudere un annoso capitolo sul tema del risanamento ai fini del riuso delle aree classificate siti di interesse nazionale.

Si aggiunge-prosegue PIetrantuono- un’altra tappa importante nel complesso percorso di attuazione dell’Accordo Quadro Rafforzato sottoscritto nel 2013 da Regione Basilicata, Ministero dello Sviluppo Economico ed il MATTM per la definizione di 10 interventi di messa in sicurezza e di bonifica delle acque di falda e dei suoli nei Siti di Interesse Nazionale “Tito” e “Val Basento”.

Il risultato è particolarmente significativo – spiega in conclusione l’assessore – perché si tratta di un sito interessato dalla problematica della radioattività naturale rilevata da Arpab nel corso del 2013, condizione che ha determinato l’attivazione della procedura prevista ex lege art. 126 bis del D. Lgs n. 230/95 coordinata dal Prefetto di Potenza e che ha richiesto l’attivazione di una apposita Commissione Tecnica Prefettizia di valutazione del progetto di caratterizzazione”.