Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Basilicata. Elogio di una terra colpita da un guasto al futuro

Lo sguardo oltre. Viaggio nel fascino di una regione che può farcela

La bellezza si vede, è avvicinabile, la tocchi con gli occhi. E’ figlia dello sguardo, amante delle emozioni. La bellezza è sulla scena, visibile a chi la sa vedere. Il fascino invece non si vede, si sente, lo avverti nel distacco di cui è fatto. E’ figlio dell’anima, animatore dei sentimenti. Il fascino è nei solchi, è nascosto, è tra le cose che non vedi. Tra il vedere dello sguardo e il sentire dell’anima c’è lo spazio per l’immaginazione. E quell’immaginazione può diventare un progetto, una visione, un nuovo orizzonte.

Ecco perché devi imparare a camminare in questa terra.

La Basilicata è fascino. Ci sono luoghi che si lasciano accarezzare dagli sguardi e che danno fuoco alle emozioni. La Basilicata è il fulcro dei sensi. Il tatto per toccare quelle pietre, quelle voci, quell’acqua. L’udito per ascoltare il vento e il volo dei falchi, il fiume e il mare. L’olfatto per sentire gli odori del fieno, delle vigne, del grano e del pane con la croce.  La vista per non vedere.

Qui non sei mai sazio di emozioni fino a quando ti avvolge la confusione dei sensi. Ed è allora, quando i sensi si confondono, che ascolti ciò che vedi: luci e lampi freschi di sole, ombre profumate. E senti addosso lo sguardo della donna seduta sull’uscio, quello sguardo mosso, che ti accompagna fino alla prima curva del vicolo antico. Puoi toccare il caldo della sera d’estate e la brezza dell’alba. Quando i sensi si confondono puoi abbracciare il respiro delle montagne e mordere l’aria delle colline. Puoi riscaldarti nel fuoco del vino e rinfrescarti nel suono lieve dei fiocchi di neve. E poi, poi quei sorrisi senza denti, sinceri come il sole di luglio quando il grano esplode di orgoglio. Quella tarantella sparsa nell’aria che rinchiude la tristezza e mette le ali all’allegria. E via con i sussurri impetuosi che ti esplorano senza pudore.

La Basilicata è fascino. Eppure in quel sudore antico che bagna la speranza scopri la storia mai scritta di intrighi e dannazioni. I tuoi passi calpestano terra arida dura chiusa e spaccata, terra di fango e creta inesplorata. E scopri le lucide meraviglie di luoghi amari e zuccherati, dove si annaffiano i fiori col petrolio e piangi per quei fondali violati da chi scava la rozza materia. Scopri i tramonti ambrati che parlano di nuovi orizzonti.

E qui, nonostante tutto, tu puoi essere pietra dura prima di diventare un seme e piantarti nel solco del futuro. E dunque puoi rinascere fiore o albero o uomo.

Sulle vette dell’Appennino il tramonto liquido dell’autunno è preludio di un’alba di specchi. In quei riflessi del giorno dopo, puoi trovare l’incanto di un cielo a petto nudo. E allora tutti guarderanno in alto con i tuoi occhi e sarà un giorno meraviglioso. Il fascino esiste. E’ rivoluzionario. Il futuro si può aggiustare.