Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Fca Melfi, dopo la festa per l’ibrido arriva la brutta notizia: esuberi passano da 1640 a 3297

Dal 15 ottobre a gennaio 2019 nuovo contratto di solidarietà per 6.868 lavoratori

A fronte dell’ennesima contrazione di mercato, l’azienda Fca comunicherà ai propri dipendenti che gli esuberi allo stabilimento lucano passano da 1640 a 3297, e che i lavoratori interessati ai contratti di solidarietà passano da 5857 a 6868, con un aumento di giornate di astensione dal lavoro medio individuale che passa dal 28% al 48%! A renderlo noto è L’Unione sindacale di Base in un comunicato stampa.  

L’azienda dal canto suo ha infatti comunicato che “A causa di “difficoltà relative ai mercati”, dal prossimo 15 ottobre al 31 gennaio 2019 nello stabilimento di Melfi (Potenza) di Fca sarà attuato un contratto di solidarietà che interesserà 6.868 lavoratori – su circa 7.400 complessivi – “con una possibile riduzione dell’orario di lavoro del 48 per cento e un esubero dichiarato di 3.297 lavoratori”.

“Non abbiamo fatto in tempo a scrivere  la nostra posizione sulla preoccupante situazione alla Fca di Melfi -si legge nella nota del’Usb-che veniamo informati dell’ennesimo comunicato che conferma e aggrava quanto avevamo precedentemente dichiarato. Qualcuno crede ancora che vada tutto bene? Che basti un motore ( seppur innovativo e migliore di quelli attuali) a risollevare le sorti della fabbrica di automobili più grande d’Italia?

Fino a quando continueremo a credere agli incantatori di serpenti questa situazione non potrà che peggiorare. I lavoratori di Melfi sono attesi da un periodo estremamente buio se non arriveranno subito nuovi modelli auto da produrre!”