Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Impianto chimico di trattamento acque Cova, la Syndial precisa: “Nessuna rinuncia, presentata nuova istanza”

L'azienda fa sapere che è stata identificata una nuova area di ubicazione

Nei giorni scorsi avevamo riportato la nota stampa di Mediterraneo No Triv in cui veniva annunciato che la società Syndial, che aveva presentato il progetto per la realizzazione di un  “Impianto di trattamento acque di produzione” provenienti dal Centro Olio Val D’Agri, ubicato in Località Cembrina del Comune di Viggiano (Potenza), per conto di Eni s.p.a., aveva rinunciato a realizzare l’impianto chimico di trattamento.

L’azienda, in un comunicato stampa precisa che “le notizie circa l’impianto Blue Water di Viggiano riportate dai media in questi giorni vanno integrate e completate alla luce della presentazione della nuova istanza del 27 novembre scorso. 

Syndial – si legge nella nota- non ha rinunciato alla richiesta di autorizzazione per la realizzazione dell’impianto Blue Water ma ha presentato una nuova istanza con un aggiornamento dell’area di ubicazione dell’impianto di trattamento acque di produzione del Centro Olio Val d’Agri e, contestualmente, ha comunicato l’abbandono dell’ubicazione prevista dal precedente progetto. 

A seguito di un costruttivo confronto con le istituzioni- conclude l’azienda- è stata identificata una nuova area di proprietà Eni all’interno dell’area industriale, che consentirà di cogliere importanti sinergie per una maggiore integrazione del progetto nel territorio”.