Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Buscaja e la Bella Antilia dal Piemonte a Tricarico per il Carnevale

Il giro d'Italia in maschera per Dante Bruno e sua moglie Cristina fa tappa in Basilicata

Dante Bruno, e sua moglie Cristina ( La Bella Antilia)  da anni stanno realizzando il giro d’Italia in maschera, un tour curioso in tutta Italia al fine di conoscere nuove tradizioni legate al Carnevale e nell’occasione portare un po’ di nostra cultura negli altri paesi. Quest’anno hanno scelto la Basilicata e in particolare il carnevale di Tricarico, con la tradizionale cerimonia del 17 gennaio Sant’Antonio.

Vivremo con gli amici di Tricarico- spiegano Dante e Cristina- una giornata diversa con le maschere antropologiche locali. Venerdì 18 gennaio  saremo invece a Matera dove in Comune saluteremo il sindaco e gli doneremo una targa, un saluto dal Piemonte e un augurio e tante congratulazioni  per l’evento di Matera, capitale europea della cultura 2019.

Per noi- aggiungono- è un orgoglio quest’anno essere presenti e conoscere la Basilicata, terra distante più di 1000 chilometri da casa nostra, ma  ricca di tradizioni e luoghi incantevoli da scoprire. Tricarico oltre al carnevale ci dà la possibilità di conoscere meglio le vicende di Rocco Scotellaro, ed approfondire anche i racconti di Carlo Levi anch’egli piemontese come noi”.

Busca -spiegano infine- è una cittadina di 10.130 abitanti nella provincia di Cuneo, rinomata per il buon pane, per i dolci “baci di cioccolato”, per il vino dolce detto il quagliano. Le nostre maschere rappresentano una vecchia leggenda locale, secondo cui un tempo il villaggio era di origine romana appellato Antilia, florido paese distrutto dall’invasione dei Saraceni nel X° secolo, arrivati in Piemonte dalle rive della Costa Azzurra in Francia, la Bella Antilia venne distrutta a mezzo fuoco dai mori e ne rimase pressochè la “Buscaja” ossia che pochi trucioli , poche busche di legno, sicchè il nuovo villaggio per ricordare tale evento venne appellato Busca.