Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Matera, finanziato risanamento delle acque dei Torrenti Gravina e Jesce

Due milioni di euro per la realizzazione di misure innovative per l’abbattimento dei nutrienti e delle immissioni nell’ambiente

Più informazioni su

Sono stati destinati due milioni di euro per la realizzazione di misure innovative per l’abbattimento dei nutrienti e delle immissioni nell’ambiente. Un intervento per 500 mila euro riguarda il controllo dello stato trofico e di risanamento delle acque dei torrenti Gravina e Jesce nel comune di Matera”. Ad annunciarlo, l’assessore regionale ad Ambiente ed Energia, Francesco Pietrantuono.

Il torrente Gravina di Matera raccoglie le acque dei canali bonificati presenti in località Pantano e quelle provenienti dal confine regionale a nord della città di Matera: costeggia i Sassi di Matera dove scorre nel profondo canyon e riceve dalla sponda sinistra la confluenza del torrente Jesce, che nasce in territorio di Altamura. Superata la città di Matera, sfiora l’abitato di Montescaglioso e sfocia nel fiume Bradano dopo circa venti chilometri.

I torrenti sono interessati dalla presenza di scarichi agricoli, industriali e urbani ma sono le concentrazioni degli inquinanti organici a destare maggiori preoccupazioni e a suggerire la presenza in acqua di reflui di origine urbana e/o agricolo-zootecnica. “Abbiamo ritenuto necessario e doveroso – dice ancora Pietrantuono – procedere al risanamento delle acque dei torrenti per diverse ragioni: salvaguardare e risanare le gravine di Matera, patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1993; rendere salubri i torrenti che interessano il territorio del Parco regionale della Murgia Materana.

L’intervento si propone di realizzare un impianto di fitodepurazione delle acque dei torrenti che recepiscono gli scarichi di origine agricole e zootecnica, oltre a quelle in uscita del depuratore di Matera. L’impianto previsto è naturalisticamente rispettoso dell’ecosistema gravinico. La fitodepurazione delle acque in uscita dai depuratori – conclude l’assessore – permetterà di spingere ad ottimi livelli di qualità le acque dei Torrenti.”

 

Più informazioni su