Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Il M5S presenta piano infrastrutture e assessore allo Sviluppo Economico

Domani conferenza stampa a Potenza

Il M5S di Basilicata annuncia il nome del primo assessore – allo Sviluppo Economico -che, in caso di vittoria alle elezioni del 24 marzo, andrà a comporre la prima Giunta a 5 Stelle in Basilicata. Lo annuncia in una nota il candidato presidente, Antonio Mattia. 

Si tratta -si legge nel comunicato stampa- dell’ingegnere Pietro Francesco Maria De Sarlo che verrà presentato ufficialmente domani, nel corso di una conferenza stampa in cui verrà illustrato il “Piano delle infrastrutture per lo sviluppo”, primo dei 10 fondamentali punti del Programma  del M5S in vista delle prossime elezioni regionali. 

Durante la conferenza stampa, il candidato pentastellato, e De Sarlo, spiegheranno alla stampa alcuni punti del Programma già esposti nella lettera aperta indirizzata ai cittadini lucani nei giorni scorsi. Il Programma completo sarà consultabile da lunedì 4 marzo sul sito www.antoniomattia.it.

Chi è Pietro De Sarlo. Nato a Napoli il 2 aprile 1956 da famiglia lucana. Vive tra Roma e San Chirico Raparo. A 23 anni si laurea in Ingegneria Mineraria e inizia a lavorare come industrial economist presso la Direzione Strategie della Snamprogetti. Passa poi a Lombardia Informatica e successivamente in Fininvest Italia con incarichi crescenti nell’ambito del controllo e della pianificazione aziendale.

A 31 anni è dirigente e responsabile Pianificazione e Strategie del gruppo Latina – Ausonia (la parte assicurativa della Compagnia Finanziaria De Benedetti). Nel 1992 è direttore Strategia Pianificazione e Controllo del Gruppo Ras (Allianz), all’epoca, dopo Generali, la seconda compagnia di assicurazione italiana.

Nel 1998 diventa Direttore Pianificazione, Controllo e Contabilità Integrata del Gruppo Poste Italiane ed è tra i protagonisti del risanamento e rilancio del Gruppo, dove rimane fino al 2002.

Passa poi in Banca Intesa come responsabile delle Partecipazioni Immobiliari e poi capo del Welfare aziendale (9 miliardi di euro di asset gestiti).

È stato amministratore di numerose società tra cui Presidente Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus, Presidente Intesa Sanpaolo Provis, Consigliere di Poste Vita, Consigliere Advisor Commitee del Fondo Abitare Sociale, Presidente del Fondo Pensioni per i dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo, Presidente Intesa Real Estate, Presidente del Fondo per i dipendenti dell’ex Banco di Napoli, Presidente del Fondo pensioni e della Cassa di Assistenza San Paolo IMI, Presidente del Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa San Paolo, Presidente Fondo Pensioni Carifirenze, Consigliere del Fondo Pensioni Cariplo, Presidente di Immobili Italiani (Immit), Amministratore unico di Intesa Immobiliare.

Attualmente è Commissario liquidatore fondo pensioni Comit, Presidente del comitato consultivo e dell’assemblea dei quotisti del Fondo Immobiliare Omega e liquidatore di alcune legal entity.

Nel 2009 fonda l’associazione Pinguini Lucani, con l’intento di promuovere lo sviluppo economico e sociale della regione Basilicata. Nel gennaio 2011 ha pubblicato il saggio “Si può fare!” sulle possibilità di sviluppo della Basilicata. È stato consigliere di opposizione di una lista civica avversa al PD al comune di San Chirico Raparo dal 2011 al 2016. È autore di diversi articoli di economia e politica pubblicati su Scenari Economici.it, Economia Italiana.it, Affari Italiani.it e Basilicata 24.it

Nel 2016 riceve il riconoscimento di Socio Laureato Illustre della Associazione Alumni NoiSapienza (Ex Allievi Università La Sapienza di Roma).

Nel 2016 ha pubblicato il romanzo “L’Ammerikano” che ha vinto il premio della critica al Concorso Letterario Nazionale Argentario 2017 e che è stato primo classificato al Premio Nazionale Letterario Artese – Città di San Salvo 2017 riservato alle opere prime.