Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Centro Olio Viggiano: ancora puzza e mistero sui dati dell’inquinamento

Osservatorio Popolare della Val d'Agri: "Quattro giorni di miasmi più ammorbanti del normale e dall'Arpab il solito tutto a posto"

“Ancora di sabato, ancora puzza: questa volta dalla mattinata di sabato 9 a martedì 12 marzo si è goduto intorno al Cova-Centro Olio di Viggiano, di un’aria ancora più ammorbante del normale!”

E’ la denuncia, l’ennesima, dell’Osservatorio Popolare della Val D’Agri che torna a chiedere chiarezza su quanto accade nell’impianto di estrazione petrolifera dell’Eni. Risale solo al 2 marzo scorso, la segnalazione di una forte puzza di zolfo nell’area industriale di Viggiano, che aveva causato il malore di alcuni operai della Vibac, del posto, i quali avevano dovuto far ricorso alle cure mediche per problemi agli occhi e alla gola. 

Per niente rassicurati dall’Agenzia regionale di protezione per l’Ambiente, i cittadini della Valle, che hanno costituito l’Osservatorio, lamentano la mancanza di trasparenza da parte di quello che dovrebbe essere il controllore delle attività estrattive in Val d’Agri.

“Arpab -spiegano-continua a pubblicare relazioni ‘tuttapostiste’ che indicano solo alcuni inquinanti (che, guarda caso, sono sempre nei limiti, anche se si può notare che viene registrata un’impennata dell’anidride solforosa) ma non fanno conoscere ai semplici cittadini che fanno accesso al sito istituzionale tutti i picchi orari degli inquinanti non normati e tipici dell’industria petrolifera, come gli idrocarburi non metano, ampio gruppo di inquinanti che comprende anche composti cancerogeni ed odorigeni”

Niente si sa, inoltre, dei risultati delle analisi da parte di Arpab dei radielli disposti in più zone dell’area e che, se asportati tempestivamente a seguito di particolari “eventi” potrebbero fornirci qualche indicazione sulla presenza del velenoso ed altamente volatile idrogeno solforato, benché ci forniscano indicazioni come media sul periodo osservato e non sui picchi orari.

I dati monitorati da tali radielli -ricorda l’Osservatorio Popolare della Val d’Agri- non sono stati ancora pubblicati, nemmeno a seguito del malore degli operai della Vibac del 2 marzo 2019, così come avvenne invece il 4 aprile 2011 quando, a seguito di un incidente che coinvolse gli operai della ditta Elbe (adiacente alla Vibac), i radielli furono asportati ed analizzati dimostrando la presenza di idrogeno solforato.

Arpab poi continua a restare muta sulla nostra legittima richiesta di accesso agli atti fatta ormai da 10 mesi, costringendoci a ricorrere alla magistratura! Infine, nulla ci è dato sapere riguardo alle continue autodenunce di Eni per superamenti ai camini, comunicazioni che vengono tempestivamente inviate, tra gli altri, ai Comuni e di cui, ancora una volta, nulla viene comunicato alla popolazione da parte delle amministrazioni”.