Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Indotto Fca Melfi, Fiom Cgil primo sindacato alla Proma

Sindacato scelto dal 36,6% dei lavoratori

Più informazioni su

Risultato positivo per la Fiom Cgil Basilicata anche per le elezioni della RSU/RLS alla Proma, azienda indotto Fca di Melfi. Il 36,6% dei lavoratori ha votato per la Fiom Cgil confermando la nomina di 1 Rsue 1 Rls risultando il delegato più votato e incrementando il consenso in termini di voti rispetto alle elezioni precedenti. A seguire 31,7 Fim e 31,2 Uilm.

La Fiom Cgil continua ad aumentare il suo consenso nelle aziende dell’ automotive della regione Basilicata, confermando il suo primato in termini di rappresentatività.

La Fiom Cgil e il delegato eletto, nel ringraziare tutti, i candidati e i lavoratori per la fiducia riposta, sostenendo la lista della Fiom, confermano la propria azione sindacale in continuità dei mandati precedenti con costante coinvolgimento dei lavoratori, per la realizzazione concreta del miglioramento delle condizioni di lavoro, di salario, di occupazione, di sicurezza e di salute sui luoghi di lavoro.

La Fiom Cgil ritiene necessario superare le criticità contrattuali presenti nella componentistica FCA Melfi, che ha visto negli anni la riduzione dei diritti per tutti i lavoratori coinvolti, improrogabili sono le risposte da dare su temi dell’occupazione e dei piani industriali, chiedendo più garanzie e certezze occupazionali anche per i lavoratori in somministrazione, con la costruzione di bacini di prelazione che diano risposte ai lavoratori che hanno contribuito alle ricchezze e alle produzioni e oggi sono senza occupazione.

Ancora, condizioni di lavoro, di salute e sicurezza, garantendo che ci sia il rispetto della normativa vigente in stabilimento; organizzazione del lavoro, migliorando i carichi di lavoro, aumentando le pause e azioni atte a prevenire lo stress correlato sulle postazioni; infine il salario, chiedendo un aumento della premialità e del riconoscimento professionale.

Giorgia Calamita, Fiom Cgil Basilicata

Più informazioni su