Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Guardia di Finanza Basilicata, in un anno scoperti 122 evasori totali foto

I dati resi noti durante la celebrazione del 245/o anniversario della fondazione del Corpo

Sono 122 gli evasori totali (che hanno sottratto alla tassazione circa 59 milioni di euro) scoperti in Basilicata dalla Guardia di Finanza nell’ultimo anno di attività: il dato è stato reso noto stamani, a Potenza, durante la celebrazione del 245/o anniversario della fondazione del Corpo. Alla manifestazione ha partecipazione il comandante regionale delle fiamme gialle, il generale di brigata Antonio De Nisi.

In particolare, grazie alle indagini finanziarie, sono stati “riportati alla luce” 14,4 milioni di euro sottratti al fisco.
Sequestrate disponibilità patrimoniali e finanziarie per il recupero delle imposte evase nei riguardi dei responsabili di frodi fiscali per oltre 120 mila euro ed avanzate proposte di sequestro per oltre 3,3 milioni di euro.

Relativamente al settore della tutela della spesa pubblica, sono stati eseguiti 184 interventi complessivi, che hanno interessato i più importanti flussi di spesa, dalla sanità alla previdenza, dai fondi comunitari agli incentivi nazionali, dalle prestazioni sociali agevolate ai ticket sanitari e gli appalti.

L’ammontare delle risorse pubbliche risultate indebitamente richieste o percepite da parte di n. 278 responsabili individuati è stato di oltre 14,7 milioni di euro.
I controlli eseguiti nell’ambito delle prestazioni sociali agevolate e dei ticket sanitari hanno fatto rilevare una percentuale di illiceità pari al 97,84%. Sono stati altresì segnalati 79 soggetti alla Corte dei Conti – Sezione Giurisdizionale della Basilicata, nei confronti dei quali è stato accertato un danno erariale complessivo per oltre 6,5 milioni di euro.

In materia di appalti a seguito di dieci interventi eseguiti, sono stati denunciati otto soggetti e individuato un ammontare di appalti irregolari pari ad oltre 8,3 milioni di euro.

Sul fronte del contrasto alla criminalità economico-finanziaria, sono stati svolti accertamenti patrimoniali nei confronti di 65 soggetti connotati da pericolosità sociale o da pericolosità economico-finanziaria, che hanno consentito di effettuare proposte di sequestro preventivo ex legge 159/2011 per un valore complessivo di oltre 11,6 milioni di euro.

Le indagini antidroga, condotte anche attraverso un capillare monitoraggio del territorio della provincia e delle sue principali vie di comunicazione, hanno portato al sequestro di gr. 4.206 di hashish e marijuana, gr. 253 di cocaina, gr. 76 di eroina, gr. 500 di sostanze psicotrope, gr. 11 di droghe sintetiche/altre droghe e n. 41 piante di cannabis, nonché alla segnalazione alle Prefetture competenti di n. 250 soggetti quali detentori di modiche quantità di sostanze stupefacenti per uso personale in violazione all’art. 75 del D.P.R. 309/90 e alla denuncia di 66 soggetti (di cui 12 tratti in arresto) in violazione all’art. 73 dello stesso decreto.