Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

L’acqua è la sola risorsa della Basilicata. Qualcuno lo ricordi all’assessore Rosa

Il portavoce alla Camera del M5S, Rospi, risponde così al titolare della delega all'Ambiente

Qualcuno ricordi al neo assessore all’ambiente, Gianni Rosa, che in Basilicata abbiamo solo una risorsa, l’acqua, di cui è ricco il nostro sottosuolo e che difficilmente riesce a convivere con le estrazioni petrolifere. In Val d’Agri è presente un ricco reticolo idrografico, che produce circa 3000 litri di acqua dolce al secondo, alimentato da più di 600 sorgenti e che raggiunge i rubinetti di circa 2 milioni di persone tra Puglia e Basilicata.

È quanto dichiara l’onorevole Rospi del MoVimento 5 Stelle, che risponde così all’assessore all’Ambiente della Regione Basilicata che proprio in queste ore ha sottolineato come il petrolio sia una risorsa su cui puntare.

Non credo -prosegue Rospi- che la posizione dei cittadini lucani sia pro petrolio, come afferma l’assessore. Dovrebbe farsi un giro in Val d’Agri e nell’alta valle del Sauro, e parlare con la gente, con chi ha perso qualche caro familiare a causa dell’inquinamento. D’altronde anche la procura ha accertato danni ambientali che si sono protratti già dal 2009 e i risultati della Valutazione Impatto Sanitario VIS confermano che: “Lo stato di salute dei due comuni limitrofi al Centro Oli, nel periodo 2000-2014, è risultato il peggiore della Regione Basilicata confermando che la mortalità e la morbosità dei residenti nel periodo 2000-2014 mostrano alcune associazioni di rischio rispetto alla esposizione a NOx/NO (ossidi di azoto)…”.

Tutte queste notizie dovrebbero far riflettere la nuova giunta regionale sul fatto che sono l’ennesima prova del fallimentare esperimento petrolifero lucano: espressione di un modello energetico obsoleto, basato su fonti fossili e inquinanti che si è rivelato insostenibile a livello ambientale e sanitario-conclude il portavoce pentastellato.