Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Sciopero indotto Eni, aziende a sindacati: “Se non sarà revocato adiremo le vie legali”

"Ci impegniamo ad erogare lo stipendio di aprile entro la prossima settimana"

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo la replica delle aziende Geom. Rocco Caruso Srl e General Construction Srl alla nota dei segretari Feneal Uil, Filca Cisl, Cgil Fillea con cui è stato annunciato lo sciopero di quattro ore per la giornata del 7 giugno nelle aziende dell’indotto Eni

Il ritardo delle retribuzioni relativo alle mensilità arretrate è dovuto al cambio dello studio di consulenza che elabora le buste paga.

La scrivente ha erogato lo stipendio di marzo già la settimana scorsa ad un determinato numero di operai e concluderà domani la restante parte.

Ci preme comunicare che la scrivente eroga lo stipendio del mese lavorato entro il 20/25 del mese successivo pertanto la retribuzione di aprile è in ritardo di soli 10 giorni soprattutto per i motivi di cui sopra e anche al fatto che alcuni operai che hanno aderito allo sciopero hanno richiesto le ore di straordinario nelle forme non previste dalla normativa vigente e non disciplinate dal CCNL Edilizia quindi in forma non legale. Questo ha generato il ritardo nell’elaborazione delle buste paga.

Ci impegniamo pertanto ad erogare lo stipendio di aprile entro la prossima settimana.

Il contributo opt relativo all’anno 2015 non può essere erogato senza buste paga e abbiamo richiesto al nuovo consulente l’elaborazione delle stesse. Appena pronte pagheremo il contributo che la scrivente ha voluto aderire per dare e confermare la disponibilità a soddisfare tutte le esigenze degli operai.

In virtù delle considerazioni su esposte, esprimiamo il nostro rammarico dopo che per tanti anni la scrivente ha sempre ottemperato ai suoi impegni e pagando talvolta anche in anticipo, ed essendo sempre disponibile a dare acconti per sopperire ad esigenze particolari e familiari degli operai.

Alla luce di quanto detto, ritenendo lo sciopero privo di fondatezza e di giustificati motivi, comunichiamo sin d’ora che se lo stesso non sarà revocato, la scrivente adirà alle vie legali al fine di tutelare i nostri interessi e la nostra posizione, con la richiesta di risarcimento per danni di immagine“. Geom Rocco Caruso Srl e General Construction Srl

Più informazioni su