Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Assetti organizzativi regionali, sindacati sollecitano incontro con Bardi

Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl: "Non può rispondere a mere logiche autoreferenziali"

Dopo aver a più riprese richiesto un incontro al presidente per affrontare tutte le problematiche inerenti le politiche del personale, apprendiamo dalla stampa di una proposta di riorganizzazione degli assetti organizzativi regionali. Stupisce che, a fronte delle reiterate richieste delle organizzazioni sindacali, si stia procedendo ad una riorganizzazione unilaterale senza alcun preventivo confronto sindacale. E’ quanto affermano i segretari di Fp Cgil-Cisl Fp e Uil Fpl, Scarano, Sarli e Guglielmi. 

“Eppure -ricordano i tre segretari- sono tante le questioni poste all’amministrazione regionale, in primis proprio quella relativa al nuovo assetto della governance regionale da cui dipende la stessa visione programmatica e inevitabilmente il futuro stesso della nostra regione.

Dalle politiche industriali all’agroindustria, dal welfare alle politiche del lavoro, all’ambiente, assi portanti delle politiche di sviluppo di questa regione che richiedono il supporto imprescindibile della macchina amministrativa attraverso il lavoro qualificato di chi quotidianamente vi opera .

Valorizzazione del merito e delle professionalità interne, questo è il percorso che bisogna tracciare delineando una riorganizzazione che sia funzionale agli obiettivi delle politiche di sviluppo che si intendono perseguire sui vari asset. Questa riorganizzazione, fermo restando le prerogative di chi oggi è chiamato ad amministrare la cosa pubblica, deve vedere il coinvolgimento di tutte le forze sociali e non può rispondere a mere logiche autoreferenziali. Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl pertanto, richiedono l’immediato avvio di un confronto senza fughe in avanti attraverso non meglio precisati ddl”.