Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Discariche irregolari, 5 milioni per chiusura e adeguamento

Interventi approvati dalla Giunta regionale finalizzati alla risoluzione delle procedure di infrazione comunitaria

Più informazioni su

La giunta regionale della Basilicata ha approvato un provvedimento che consentirà la realizzazione di interventi “di chiusura o di adeguamento di discariche”, mettendo a disposizione 5 milioni di euro a valere sul Piano Operativo “Ambiente” del Fondo di sviluppo e coesione (Fsc) 2014-2020.

Ad annunciarlo, l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa. “Nell’ultima seduta della giunta – ha spiegato l’esponente dell’esecutivo lucano – abbiamo approvato uno schema di accordo tra il Ministero dell’Ambiente e la Regione Basilicata per gli interventi di chiusura o adeguamento delle discariche, finalizzati alla risoluzione delle procedure di infrazione comunitaria.

Così come per altre questioni – ha proseguito l’assessore Rosa – nelle prime cinque settimane ho ritenuto necessario dare un’accelerata ai programmi più urgenti, tra cui la messa in sicurezza e la chiusura delle discariche al centro di procedure di infrazione. Oggi possiamo procedere alla regolarizzazione di altre quattro discariche: Salandra, con 4 milioni di euro, Potenza, con 400 mila euro, Latronico, con 80 mila euro e Senise con 600 mila euro.

Non si tratta – ha proseguito – semplicemente di ottemperare alla condanna inflitta all’Italia dalla Corte di Giustizia europea, ma di un dovere morale di tutela e di salvaguardia della salute e del territorio. Le norme che l’Italia e la Basilicata hanno infranto, infatti, riguardano la direttiva 1999/31, il cui intento è quello di prevenire o comunque di ridurre, gli effetti negativi per l’ambiente provocati dall’interramento di rifiuti, introducendo severi requisiti tecnici. È per la salute e per l’ambiente – ha concluso Rosa – che il governo Bardi si batte”.

Più informazioni su