Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Il Savoia calcio festeggia 40 anni e pensa al futuro foto

Una festa per ripercorre le tappe del sodalizio e premiare fondatori e giocatori

Quaranta candeline per il Savoia Calcio festeggiate in piazza da un intero paese e conclusa con il taglio della torta per l’occasione guarnita con il logo bianco-azzurro. A Savoia di Lucania, piccolo centro in provincia di Potenza, c’erano la gran parte dei dirigenti, giocatori, sponsor e appassionati che negli anni sono stati la spina dorsale di una squadra di calcio tra le più anziane della Basilicata. Piazza Plebiscito bardata a festa con palloncini e bandiere raffiguranti i colori sociali e l’esposizione di tutte le magliette indossate dai calciatori in questi anni. E non solo dalla differenza di tessuto delle casacche (dalla pura lana al cotone, dalle sintetiche alle più moderne e tecnologiche) si è potuto notare il trascorrere del tempo, lasciando immutata però la passione per quei colori che hanno militato dalla Terza Categoria alla Promozione lucana.

In quarant’anni diversi e discreti i risultati sportivi, come due promozioni e altrettante finali di Coppa Basilicata, ma soprattutto tanta dignità e sportività. Savoia – è stato fatto presente proprio dal delegato della Figc – è stata tra le primissime squadre che già un decennio fa ha inaugurato il cosiddetto “terzo tempo”, offrendo a fine partita anche ai giocatori avversari un abbondante e simbolico rinfresco a base di prodotti locali. Proprio del ruolo dello sport nei piccoli comuni (Savoia ormai è abbondantemente sotto i mille abitanti) hanno discusso il presidente della Provincia, Guarino, il sindaco Ricciardi, il delegato della Figc, Ciaglia, e i fondatori del sodalizio salviano, Parrella e Cavallo.

Evidenziato dai presenti come passione, determinazione, campanilismo e agonismo, in questi anni sono andati di pari passo con valori ben più importanti come aggregazione, solidarietà e educazione.

E proprio la vittoria nella stagione 2017-2018 della prestigiosa Coppa Disciplina di Seconda Categoria ha rappresentato il coronamento della mission della squadra di calcio del piccolo centro del Melandro, dove –è stato fatto notare- in diversi comuni limitrofi il calcio –per diversi motivi- è quasi del tutto scomparso.

Anche per questo è stato ancora più rimarcato l’orgoglio per 40 anni del Savoia che, con il sostegno finanziario diffuso, al pari degli sforzi dell’attuale presidente Antonio Parrella, contribuisce ad aggregare e amalgamare i giovani e meno giovani del paese. Dopo aver premiato un centinaio tra fondatori, dirigenti, allenatori e sponsor per il contributo apportato negli anni al sodalizio, la piazza si è trasformata in un grande ristorante all’aperto dove sono state degustate le specialità preparate da giocatori e dirigenti e offerti gratuitamente a tutta la cittadinanza. Al termine il taglio della torta e i propositi per la nuova stagione calcistica dove ancora una volta il Savoia si presenta ai nastri di partenza con rinnovate ambizioni.