Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Guardia di Finanza Matera: il 70% degli esercizi commerciali controllati evade canone Rai

Dall'inizio dell'anno sono scattati i controlli per le attività aperte al pubblico

Se per  i normali cittadini è ormai impossibile sfuggire al pagamento del canone Rai, c’è invece chi riesce ancora a farla franca nell’ambito degli esercizi commerciali per i quali il pagamento non è stato inserito nella bolletta della luce.

E per questo motivo, la Guardia di Finanza ha messo in atto un’attività di controllo, sin dall’inizio dell’anno, con specifico riferimento alle spettanze dovute dalle attività commerciali aperte al pubblico, dove il televisore non manca mai.

Da gennaio 2019, in tutta la Provincia, sono stati effettuati circa 100 interventi che hanno riguardato un’ampia e diversificata platea di esercizi commerciali (alberghi, B&B, affittacamere, bar, pizzerie, ristoranti, ecc.), riscontrando che il 70% delle attività controllate hanno omesso il pagamento del “Canone Speciale Rai”.

A differenza del canone ordinario ( “familiare”), che a partire dall’anno 2016 viene inserito nella bolletta della luce, il “Canone Speciale Rai” non è addebitato nelle bollette dell’energia elettrica del contribuente e non ha un valore fisso, ma cambia a seconda del tipo di esercizio pubblico (impresa, ente, associazione), della categoria (hotel di lusso, alberghi, agriturismi, b&b) e del numero di apparecchi detenuti, variando dagli oltre 6000 euro dovuti da un hotel di lusso ai 200 euro per strutture ricettizie con un solo televisore.