Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Zes Jonica, insediato comitato di indirizzo

I lucani Mattia e Cupparo ne faranno parte in rappresentanza della presidenza del Consiglio dei Ministri e della Regione Basilicata

Su convocazione del prof. Sergio Prete, Presidente dell’autorità di Sistema Portuale del Mar Jonio, si è riunito il Comitato di Indirizzo della Zona Economica Speciale Interregionale Jonica.

Ne fanno parte, oltre al Presidente, il rappresentante della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Antonio Mattia, il Rappresentante del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roberto Scaravaglione, il Rappresentante della Regione Puglia Assessore allo Sviluppo Economico Cosimo Borraccino e il Rappresentante della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, nella sua qualità di Assessore alle Attività Produttive. All’ordine del giorno la costituzione formale del Comitato, l’approvazione del Regolamento di funzionamento del Comitato stesso, nonché l’esame degli adempimenti relativi al Piano Strategico della ZES. Con l’insediamento del Comitato si dà avvio alla piena operatività della ZES Interregionale Ionica che potrà finalmente e formalmente attuare le iniziative finora pianificate e condivise tra le istituzioni coinvolte a favore dei territori interessati. I componenti, dopo l’approvazione del Regolamento di funzionamento del Comitato, hanno discusso di vari argomenti relativi all’avvio della fase di attuazione del Piano Strategico di Sviluppo, tra i quali quello della individuazione di un “pacchetto localizzativo” consistente nelle agevolazioni amministrative e fiscali a favore degli operatori economici interessati ad insediarsi nelle aree ricomprese nel perimetro ZES.

Inoltre, è stato deciso di inviare una nota di richiesta di chiarimenti al Presidente del Consiglio, per conoscere le modalità di autorizzazione all’elevazione del credito d’imposta per le imprese interessate, elevandolo da 15 milioni di euro (come la legge vigente prevede) a un massimo di 50 milioni di euro.

Da segnalare anche che è stato deciso di aprire una fase di promozione della ZES sia attraverso la collaborazione con Infocamere per la costituzione del portale da utilizzare per lo sportello unico ZES, deputato a rilasciare le autorizzazioni alle imprese, sia attraverso la creazione di un apposito sito internet.

Nel sottolineare che “negli impegni programmatici della Giunta, il presidente Bardi ha indicato con chiarezza, proprio in tema di sviluppo economico, l’opportunità di favorire le zone economiche speciali” l’assessore Francesco Cupparo evidenzia che “obiettivo centrale è rendere attrattiva la nostra regione, affrontando il tema delle infrastrutture viarie, ferroviarie ed aeroportuali, per favorire investimenti produttivi non solo nell’area Zes Jonica ma anche negli altri nuclei industriali e nelle aree per gli insediamenti artigiani.

Solo con una innovativa e ampia strategia sarà possibile realizzare il brand Basilicata e costruire una regione aperta agli investimenti nazionali ed internazionali in tutti i comparti produttivi come già sta accadendo con gli investimenti dei grandi gruppi Fca nel settore automotive e Ferrero in quello alimentare. Di qui la necessità di un Piano di marketing utile a far conoscere i vantaggio della ZES ionica, da rivolgersi alle imprese lucane nonché ad imprenditori esteri per l’ attrazione di investimenti utili a creare occupazione per il territorio lucano. Siamo impegnati inoltre a capire come si intende snellire le procedure tecnico-amministrative per superare la lentezza burocratica che ha sempre pesato sui programmi dei nostri imprenditori .