Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport ed eventi - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport ed eventi

Le colline di Abramo ricostruite in 3D da ricercatori italiani.

Più informazioni su

Il centro sumerico Ur dei Caldei, come viene menzionato nell’Antico Testamento, rappresenta il cuore nevralgico della cultura irachena e il detentore di un patrimonio archeologico millenario. La Bibbia afferma che il centro sumerico rappresenta la città natale del patriarca Abramo. Dal 2003 la cittadina è divenuta inaccessibile per i continui saccheggi e devastazioni prodotte dalla guerra e dalla sua collocazione all’interno di una base militare irachena prima e americana in seguito. Alcuni ricercatori italiani, pertanto, attraverso la tecnologia 3D avranno l’arduo compito di svelarne i tesori nascosti e le caratteristiche. La ricostruzione tridimensionale, basata su un’attenta ricerca storica delle fonti tra cui è stato rinvenuto materiale inedito proveniente dal Museo di Nassirya, riguarderà l’area archeologica della città, con i suoi maggiori monumenti e il suo sistema urbano.


Il progetto che prende il nome de “le colline di Abramo” è diretto e ideato dal Cnr in collaborazione con il ministero degli Esteri, l’Università della Sapienza, l’Istituto superiore per il restauro e la Società geografica italiana in sinergia con le autorità irachene.


La presentazione dell’iniziativa avverrà a Torino il prossimo 4 novembre in occasione del salone Dna Italia, per la tutela del patrimonio culturale e prevede la progettazione di un sito internet capace di offrire al pubblico una ‘visita speciale’ nella cittadina di Ur che sarà accessibile tra un anno, nell’ottobre 2012.

Più informazioni su