Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport ed eventi - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport ed eventi

Gli alluvionati del Metapontino riprendono lo sciopero della fame

Più informazioni su

“Adesso che il nuovo Governo si è insediato non può ignorarci. Ora abbiamo il sostegno di tutti i cittadini. Monti dovrà risponderci”
 


I cittadini del Comitato per la Difesa delle Terre Joniche dopo l’incontro di giovedì 17 novembre con i rappresentanti dei Comuni e delle Province del Materano e del Tarantino per valutare insieme la situazione hanno deciso di proseguire la mobilitazione per chiedere i fondi a sostegno di chi ha perso tutto nelle inondazioni del 1 marzo scorso. 


Il Comitato, attraverso il suo portavoce Gianni Fabbris, ha espresso la sua valutazione: “Prendiamo atto che il Governo si è insediato e che entro qualche giorno entrerà nella pienezza delle sue funzioni. Al nuovo Presidente del Consiglio abbiamo già mandato attraverso i Prefetti di Taranto e Matera un primo messaggio con la richiesta di fare quello che il Precedente Governo non ha fatto: avviare il processo di risposta alle istanze del territorio e dei cittadini con l’emissione delle prime ordinanze dovute da almeno otto mesi per le aree alluvionate di Puglia e la Basilicata. 


 Da lunedì, prima di attuare altre forme di lotta e senza escludere ogni altra iniziativa compreso quella del blocco totale della SS Jonica, riprendiamo lo sciopero della fame; questa volta non lo dovranno fare i cittadini direttamente colpiti dai danni, che da nove mesi si stanno sacrificando in una dura ed impegnativa vertenza, ma lo faranno i cittadini della comunità solidale, segno di quanto questa vertenza sia importante per gli interessi generali del territorio e per la dignità delle istituzioni e delle comunità lucane e pugliesi.


Il primo atto sarà una lettera che nella giornata di domani, venerdì 18 novembre, sarà inviata al Presidente Monti.


 

Più informazioni su