Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport ed eventi - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport ed eventi

Alluvionati, si riprende lo sciopero della fame

Più informazioni su

Confermata la ripresa dello sciopero della fame da oggi pomeriggio alle 16. Gianni Fabbris (portavoce del Comitato TerreJoniche), Massimiliano Cospite (vicesindaco di Bernalda), Leonardo Galante ed Enzo Giannico (rispettivamente Assessore e consigliere di minoranza del Comune di Ginosa) si ritroveranno alle Tavole Palatine (che finora è stato il luogo organizzativo e logistico di questa fase della mobilitazione)Nel pomeriggio, intanto, il Comitato sta predisponendo tutta la logistica per trasferire lo sciopero della fame a Marina di Ginosa a partire da domattina. Questa sera, dopo l’incontro che si terrà alle Tavole Palatine alle 18, il Comitato renderà noto il luogo in cui, già a partire da domani si terrà l’iniziativa a Marina di Ginosa con gli appuntamenti per le iniziative in programma. Questo l’annuncio dato in Conferenza stampa stamattina dal Portavoce del Comitato TerreJoniche che ha ribadito gli obiettivi: “Abbiamo interrotto lo sciopero della fame sabato mattina sulla assicurazione che si trattava solo di attendere copia di un’ordinanza già firmata sia per la Puglia che per la Basilicata. Oggi prendiamo atto che, al contrario, l’ordinanza per la Puglia non c’è e, dunque, riprendiamo lo sciopero della fame da dove avevamo interrotto. Nessuno si faccia illusioni: i cittadini organizzati nel Comitato guardano i fatti e non siamo disposti a lasciare più nessun alibi ai ritardi di Istituzioni e politica. Rivolgiamo, anzi, un forte appello alla classe dirigente Regionale Pugliese (parlamentari, amministratori, consiglieri) perché, finalmente, assumano la vicenda del territorio ginosino e tarantino colpito dalle alluvioni di Marzo per tutto il valore concreto e simbolico che deve avere. Troppe sottovalutazioni e ritardi accumulati fin’ora. Adesso è il tempo per recuperare dignità e dare risposte urgenti ed efficaci ai cittadini ed al territorio”.


 


 

Più informazioni su