Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

“Mancata comunicazione di Arpab alla Provincia, negato l’accesso agli atti”

Più informazioni su

La Provincia di Potenza ha negato per silentium l’accesso agli atti amministrativi al “Laboratorio per Viggiano” nella persona del dottr G. Mele, assistito dall’avvocato Oreste Agosto, componente e legale del Comitato tecnico-scientifico Ambiente e Salute A SUD, co-istituito dalla professoressa Albina Colella. Il dott. Mele ha reiteratamente chiesto alla Provincia di prendere visione ed ottenere copia della sanzione comminata all’Arpab e di tutti gli atti del relativo procedimento, riguardanti la mancata comunicazione della contaminazione delle acque di falda di Contrada La Rossa (Montemurro, Val d’Agri) da elevate concentrazioni di idrocarburi. La prima istanza è stata presentata l’11 marzo 2017, cui è seguita una sollecitazione successiva a mezzo legale, senza che pervenisse alcun riscontro. Il dott. Mele ha poi richiesto l’intervento del Difensore Civico della Regione Basilicata Avv. A. Fiordelisi. Le analisi chimiche realizzate da ARPAB e oggetto delle suddette istanze rivestono una notevole importanza, in quanto riguardano il ritrovamento di alte concentrazioni di idrocarburi nelle acque sotterranee di Contrada La Rossa, così confermando i risultati analoghi ottenuti dalla Prof.ssa A. Colella alcuni mesi prima. Anche e soprattutto sulla base di tali dati la Prof.ssa Colella aveva ipotizzato scientificamente che le acque anomale di Contrada la Rossa potessero rappresentare acque di scarto petrolifero reiniettate e poi migrate per qualche accidente nel sottosuolo, e successivamente fuoriuscite in superficie dopo essersi mescolate con acque di falda. Dopo 4 anni a tutt’oggi non è stata dimostrata una genesi alternativa. “Attendiamo la doverosa risposta di consenso all’accesso da parte del Difensore Civico Lucano, in caso contrario agiremo per le vie legali. Fra l’altro le informazioni in materia ambientale sono obbligatorie e vanno rese pubbliche a prescindere dall’interesse particolare del richiedente”. Dott. G. MELE

Più informazioni su