Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport ed eventi - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport ed eventi

Kreuziger si riscatta

Più informazioni su

Super Kreuziger sull’Alpe di Pampeago. Sopresa Hesjedal che accorcia il gap dalla maglia rosa. In difficoltà gli azzurri.

Tappa vivacizzata sin dai primi chilometri dai vari tentativi di fuga. All’11esimo chilometro parte il tentativo buono. 17 corridori scappano via, tra questi anche il vincitore di ieri, Andrea Guardini. Il corridore della Farnese, però, si stacca all’inizio del Passo Manchen, secondo GPM di giornata. Restano avanti in 16, tra cui Pirazzi, Casar che staccano i compagni di fuga al primo passaggio sull’Alpe di Pampeago. Il gruppetto dei primi inseguitori si sfilaccia e restano soltanto in cinque, a circa una trentina di secondi. Il gruppo maglia rosa, che ha accusato dai fuggitivi uno svantaggio massimo di 10 minuti e 10 secondi, si porta a circa 3 minuti grazie all’azione dei corridori della Liquigas. A 25 km dal traguardo attacca Roman Kreuziger. Il corridore dell’Astana prova a cancellare la brutta prestazione nella tappa di Cortina che l’ha estromesso definitivamente dalla classifica generale. Allo scollinare del Passo Lavazè, i battistrada Pirazzi e Casar hanno 27’’ di vantaggio su Sella e Rohregger, 1’54’’ su Kreuziger, Cataldo e Rauwels; la maglia rosa è a 2’48’’. Il vantaggio dei fuggitivi si riduce man mano che ci si avvicina all’Alpe di Pampeoago. Nell’ultima salita Kreuziger raggiunge la coppia Pirazzi-Casar e stacca tutti involandosi verso il successo. Intanto gli uomini di classifica a poco a poco rimontano sugli altri uomini in fuga. Scarponi prova a lasciare tutti sul posto ma Hesjedal non molla e ricuce sempre lo strappo. Poi è il canadese a cercare l’allungo. Ci riesce e si porta alla sua ruota e prendono un decina di secondi di margine da Joaquim Rodriguez. Basso sembra in difficoltà così come Pozzovivo e Uran. I tre salgono con il proprio passo e alla fine rimediano diversi secondi di ritardo. All’ultimo chilometro Hesjedal allunga su Scarponi e guadagna indisturbato la seconda posizione alle spalle di Kreuziger. Terzo, un po’ a sorpresa, Rodriguez che nel finale trova la forza per rimontare su uno Scarponi in difficoltà.

Domani si replica. Ultima tappa di montagna. Mortirolo e Stelvio. Per Basso e Scarponi ultimo appello per cercare di indossare la maglia e cercare di difenderla nella crono di domenica.

LA CLASSIFICA: 1. Roman Kreuziger (Astana), 2. Ryder Hesjerdal (Garmin), 3. Joaquim Rodriguez (Katusha); 4. Michele Scarponi (Lampre); 5. Domenico Pozzovivo (Colnago);

LA CLASSIFICA GENERALE: 1. Rodriguez (Katusha); 2. Ryder Hesjerdal (Garmin) a 17’’; 3. Michele Scarponi (Lampre) a 1’39’’; 4. Ivan Basso (Liquigas) a 1’45’’.

Più informazioni su