Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport ed eventi - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport ed eventi

6 milioni di italiani a letto con l’influenza

Più informazioni su

L’influenza quest’anno mettera’ a letto fino a 6 milioni di italiani. Sara’ caratterizzata da tre virus, di cui il virus A (H1N1) dell’influenza suina, gia’ presente l’anno scorso, e due nuove varianti genetiche. Uno e’ un sottotipo del virus A ed e’ la variante H3N2 chiamata Victoria, e il virus B\Wisconsin. A spiegarlo sono stati alcuni virologi nel corso di una conferenza stampa a Milano organizzata dall’Anipa (Associazione nazionale industria farmaceutica automedicazione).
 
”L’influenza di quest’anno, con questi due nuovi virus, sara’ piu’ vivace – spiega Fabrizio Pregliasco, ricercatore del dipartimento di Scienze Biomediche dell’Universita’ degli Studi di Milano – e probabilmente ci saranno dai 4 ai 6 milioni di casi a seconda dell’andamento delle temperature. L’influenza infatti arriva con le temperature rigide e prolungate”. Oltre all’influenza ci saranno comunque anche altri virus parainfluenzali, che provocheranno infezioni del tratto respiratorio simili all’influenza, ma meno gravi. I consigli sono sempre gli stessi, come ricorda Aurelio Sessa, presidente della Simg (Societa’ italiana medicina generale) Lombardia. ‘
 
‘Per l’influenza vera si possono usare i farmaci da automedicazione – precisa -, se la malattia non passa dopo 3-4 giorni e’ bene consultare il medico. Altro consiglio e’ quello di non fare gli eroi e non andare al lavoro quando si e’ malati, e non andare al pronto soccorso”. Preglisco ha inoltre ricordato l’importanza del vaccino antinfluenzale per le categorie di popolazione a rischio ”quali gli anziani con piu’ di 65 anni, i bambini, i malati cronici e chi soffre di patologie cardiache e respiratorie. Per loro il vaccino serve a evitare pericolose complicazioni, quali bronchiti, polmoniti e scompenso cardiaco, che nei casi peggiori possono anche portare alla morte”. (Fonte Ansa)
 

Più informazioni su