Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport ed eventi - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport ed eventi

La Basilicata e altre 6 regioni nel mirino

Più informazioni su

Ora sono le procure di mezza Italia a voler approfondire se solo di sprechi si tratta o se c’e’ qualcosa di penalmente piu’ rilevante, come sembrerebbe emergere dall’inchiesta sul Lazio Al momento, sono 7 su 20 le Regioni su cui ci sono indagini che riguardano i fondi destinati ai gruppi consiliari: Basilicata, Campania, Sardegna, Sicilia, Lazio, Emilia-Romagna, Piemonte. In Basilicata l’indagine sulle spese dei consiglieri (della legislatura precedente) fu aperta dal pm Woodcock nel 2009 e riguardava in particolare i rimborsi chilometrici previsti per chi non e’ di Potenza. Quattro gli indagati rinviati a giudizio con le accuse di falso e truffa: il presidente dell’assemblea Prospero De Franchi (Federazione popolari di centro), i due vicepresidenti Franco Mattia (Pdl) e Giacomo Nardiello (Pdci), e Franco Mollica (Centro popolare). L’accusa e’ che i quattro abbiano percepito i rimborsi indebitamente perche’, in realta’, risiedevano a Potenza e non nei comuni dichiarati. Mollica, con l’Mpa, e Mattia, con il Pdl, sono stati rieletti nel 2010. Negli uffici regionali, in queste ore, gli uomini delle Fiamme gialle starebbero analizzando alcuni documenti. Le altre regioni sottoposte in questi giorni a severi controlli e verifiche sono il Piemonte, la Campania, la Sicilia, la Sardegna, il Lazio e l’Emila Romagna. Intanto il Governo si accinge a tagliare 600 consiglieri regionali.  Per i consiglieri regionali, oltre al taglio delle poltrone, si profila anche la riforma del trattamento previdenziale, già previsto ma non ancora attuato. Dopo la rinuncia ai vitalizi, che quasi tutte le Regioni hanno già fatto, il governo ora vuole dare piena attuazione alla norma di legge del 2011 che prevede l’abbandono del sistema previdenziale retributivo  e dunque pensioni parametrate ai contributi versati nel corso del mandato e non allo stipendio, che di fatto è rimasta inapplicata. Con il decreto governativo la Basilicata avrebbe, già dalla prossima legislatura, 20 consiglieri anziché gli attuali 30. (Fonte Ansa)

Più informazioni su