Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Valigia a prova di deserto: come si prepara

Che si tratta del deserto in Giordania, a Dubai o del classico deserto del Sahara in Marocco, non è facile organizzare la valigia per tutta la famiglia. Tra i migliori consigli e modelli di trolley per bambini c’è di sceglierne uno che rispetti le misure delle compagnie aeree per passare come bagaglio a mano senza metterlo nella stiva.

Ecco un breve lista di quello che non deve mai mancare nella valigia per il deserto.

Cappellino con visiera, o tipo Fedora, è immancabile quando si affronta il caldo sole del deserto. Ognuno porti con sé i suoi occhiali da sole che aiutano anche a tenere lontani dagli occhi eventuali granelli di sabbia sollevati dal vento o anche dai cammelli degli altri viaggiatori. Per evitare di avere un fastidioso granello di sabbia che fa lacrimare gli occhi, diventano indispensabili gli occhiali e non solo. Chi porta le lenti a contatto potrebbe avere non pochi problemi per via del vento e della sabbia perciò prenda dietro gli occhiali da vista piuttosto.

La crema solare deve esser protezione 50, almeno. Nel deserto ci si scotta davvero facilmente. Non solo le donne, ma tutti dovranno avere un lembo di stoffa, tipo pashimina, da avvolgere attorno al capo per proteggersi bene. Il turbante non serve solo per proteggersi dal sole ma anche dalla sabbia che finisce negli occhi e nella bocca.

Ovviamente non si va nel deserto con le ciabatte infradito, ma con delle comode scarpe da ginnastica. È necessario vestirsi a strati. L’Ideale è una canottiera sotto e una bella camicia in lino sopra: fresca e traspirante. I pantaloni devono esser di quelli tecnici, antivento e idrorepellenti, meglio se con le cerniere per farli diventare da lunghi a corti in un secondo.

Lo zainetto è immancabile in ogni viaggio che si affronta e anche quello nel deserto non è escluso: bello capiente per metterci dentro tutto quello che può servire, compreso un mini kit di pronto soccorso che deve comprendere la crema per le scottature, le pastiglie per il mal di pancia tipico del viaggiatore e degli integratori di magnesio e sali minerali per recuperare.

Immancabile nella valigia per andare nel deserto è la borraccia: almeno una a testa per portare con sé una bella scorta di acqua. La macchina fotografica deve sempre essere inserita nello zaino per immortalare i meravigliosi paesaggi del deserto di sabbia.

Moltissimi tour nel deserto comprendono anche una notte in tenda. Di solito, le tende e i sacchi a pelo sono forniti, ma meglio assicurarsene prima di partire. È bene ricordare che nei deserti c’è una fornitissima escursione tra notte e giorno: nelle ore diurne fa davvero un caldo torrino mentre di notte la temperatura va anche sotto allo zero. L’escursione termica si aggira, infatti, intorno ai 40° C. Pantaloni e felpa vanno messi subito in valigia, anche se può sembrare strano. La giacca a vento con cappuccio tipo Kway diventa molto comoda se dovessero esserci delle improvvise tempeste di sabbia.