Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Il “San Carlo” centro di insegnamento per endocrinochirurgia

Più informazioni su


La chirurgia generale del “San Carlo” è stata selezionata come centro di training e di insegnamento della scuola speciale di Endocrinochirurgia dell’Acoi (associazione chirurghi ospedalieri italiani). “L’Acoi – spiega Nicola D’Alessandro, primario del San Carlo e responsabile lucano dell’associazione – è la principale società scientifica per la disciplina e svolge una consistente attività di aggiornamento e di formazione, affidata quest’ultima a numerose scuole speciali. L’endocrinochirurgia ha sede a Firenze, al ‘Careggi’, dove insegna il direttore della scuola, il professore Andrea Valeri.” E’ lì infatti che si svolgerà il modulo intensivo teorico-pratico (57 ore nell’arco di una settimana, alla fine di ottobre), con attività chirurgiche, discussione interattiva sui casi, individuazione di percorsi diagnostico terapeutici. Seguiranno le attività di stage (27 ore) presso il “San Carlo” e altri centri prestigiosi, dal “Gemelli” al “San Camillo” di Roma, dal “Cardarelli” di Napoli al “Galiera” di Genova: gli allievi parteciperanno alle sedute operatorie come aiuti e poi discuteranno i casi trattati. “L’inserimento nel ‘San Carlo’ – commenta il direttore generale Giampiero Maruggi – tra le sedi di tirocinio per la scuola speciale di endocrinochirurgia dell’Acoi è la conferma che in questa, come in numerose altre specialità, la nostra Azienda assicura elevati standard di qualità tecnico-logistica e di profilo professionale. Con tutti i progressi scientifici e tecnologici – che pure sono incessanti – resta fondamentale, nella formazione di un bravo chirurgo, la trasmissione del sapere in sala operatoria, la partecipazione ai casi, il rapporto con una rete articolata di professionisti esperti. Poter dare – conclude Maruggi – il nostro contributo alla crescita professionale di una nuova generazione di bravi endocrinochirurghi è al tempo stesso motivo di soddisfazione ma anche di responsabilità, perché ci chiama a tenere alto l’impegno”   

Più informazioni su