Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Uova contaminate, maxi sequestro dei carabinieri

I militari del Nas hanno portato via 92mila pezzi

Nel corso delle verifiche effettuate nelle ultime ore dai carabinieri dei Nas di Viterbo e Ancona sono state sequestrate in totale 60 mila uova per consumo umano, 32mila per alimentazione zootecnica, 3 capannoni per allevamento con 27 mila galline ovaiole e un centro di imballaggio uova.

Il comandante, generale Adelmo Lusi, ha specificato che a Viterbo il sequestro ha riguardato più 53mila uova per alimentazione umana, più 32mila per alimentazione zootecnica e 15 mila galline; ad Ancona 6mila uova (per alimentazione umana), e 12mila galline.

I carabinieri dei Nas stanno ora valutando un’eventuale denuncia penale per i proprietari degli allevamenti che potrebbero ricevere anche una denuncia amministrativa con possibile perdita di autorizzazione al commercio.

I reati ipotizzati sono attentato alla salute e immissione in commercio di alimento adulterato. I controlli sono stati disposti dal Ministero della Salute su tutto il territorio nazionale sia per rintracciare i flussi commerciali di prodotti esteri a base di uova indicati come contaminati (sequestrando ovoprodotti liquidi o in polvere nonché preparati per omelette e dolci destinati principalmente alla ristorazione etnica) sia nelle fasi di campionamento di prodotti nazionali.