Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Aias Melfi, ancora ritardi nel pagamento degli stipendi

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl sollecitano la Regione ad intervenire

Anche questo mese l’Aias di Melfi non paga nei termini gli stipendi ai propri dipendenti. Un ritardo che fa seguito a quello registrato già nello scorso mese di agosto e che sta diventando una drammatica realtà, malgrado i sacrifici che i dipendenti stanno facendo per garantire i servizi.

Un atteggiamento deplorevole verso i suoi dipendenti da parte dell’Aias, molti dei quali monoreddito e con scadenze bancarie stringenti, che sta diventando inaccettabile poiché vi è la netta sensazione che si usino i lavoratori per fare pressioni sulla Regione per sbloccare pendenze finanziarie che non vengono onorate, almeno in termini di scadenza.

Purtroppo anche la Regione ha le sue gravi responsabilità poiché nulla è seguito in termini concreti dopo l’intesa raggiunta con le organizzazioni sindacali circa la soluzione di alcune problematiche concernenti un contenzioso con l’Asm di Matera (risolto, tra l’altro, con una transazione) e, soprattutto, per quanto riguarda il trasporto degli allievi.

Nonostante gli appelli e le continue sollecitazioni anche da parte delle scriventi la Regione non da seguito agli impegni presi.

Dal suo conto l’Aias di Melfi non può trincerarsi sempre dietro queste problematiche annose per non onorare un suo preciso obbligo: pagare i suoi dipendenti.

L’Aias, come tutti gli altri Enti che operano nel settore, devono avere capacità manageriali perché a fare gli imprenditori, semplicemente limitandosi a trasferire le rimesse della Regione, sono bravi tutti.

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, pertanto, nel chiedere all’Aias di Melfi l’immediato pagamento degli stipendi, sollecitano la Regione ad intervenire; caso contrario seguiranno dure iniziative di lotta.

R. Laurino Fp Cgil, P. Locantore Cisl Fp, A. Guglielmi Uil Fpl