Le Giornate di Studio sulla Musica Tradizionale Lucana

Tornano anche quest’anno, con la seconda edizione, le Giornate di Studio sulla Musica Tradizionale Lucana, convegno scientifico articolato in tre sessioni e al via da domani, lunedì 25 settembre 2017 (ore 10.00 – 18.30) fino a mercoledì 27 (III sessione, dalle ore 10.00) nella sede del Conservatorio “Carlo Gesualdo da Venosa” di Potenza, Istituzione diretta da Umberto Zamuner e presieduta da Mauro Fiorentino.

Tre giornate di studio sul tema “Tradizione, didattica e patrimonializzazione della musica popolare lucana: prospettive e ricerche per un ampio ed articolato ventaglio di incontri, affidato a relatori illustri dell’ambito di ricerca etnomusicologica, e non solo.

Tra questi Nicola Scaldaferri (martedì 26) – ricercatore di Etnomusicologia all’Università Statale di Milano e autore di studi sulla musica di tradizione nell’Italia meridionale, in particolar modo in Basilicata, dell’Albania e del Ghana – Ferdinando Mirizzi (Università della Basilicata), quest’anno presidente di sessione, Matteo Franceschini (docente di Composizione presso il Conservatorio di Potenza), Maurizio Agamennone (Università di Firenze) e, in chiusura, Mariano Schiavone, presidente dell’APT Basilicata, per uno sguardo sull’intreccio virtuoso tra musica, artigianato e turismo nella regione.

A coronamento del primo giorno di Convegno, alle ore 18.30, si terrà quindi in Auditorium il Concerto dal titolo “I linguaggi compositivi tra avanguardia e tradizioni popolari”, affidato ai docenti Arcangelo Di Micco, Romualdo Lucchi, Salvatore Grimaldi, Anna Di Battista.

Le giornate di studio approfondiranno a seguire i diversi aspetti della recezione culturale e musicale del patrimonio popolare, analizzando scientificamente e oggettivamente i processi della trasmissione e della trasformazione cui viene sottoposta la musica di tradizione popolare.

L’organizzazione è a cura del Comitato scientifico composto dal direttore Umberto Zamuner e dai docenti Enzo Alliegro, Nicola Scaldaferri, Arcangelo Di Micco, Salvatore Maria Grimaldi, Valentina Chiola, Nadia Masini, Giovanni Polin.