Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Legittima difesa, il 56,2% degli italiani userebbe un’arma contro estranei

Di Giacomo (S.P.P.), commenta il Rapporto Eurispes: "nuovo Parlamento approvi subito la legge"

“Il 56,2 % degli italiani userebbe un’arma contro estranei in casa di notte, il 38,5% probabilmente e il 17,7% sicuramente”. È quanto rivela l’Eurispes nel Rapporto Italia 2018.

“Siamo di fronte alla prova “provata – dice il segretario generale del S.P.P. (Sindacato Polizia Penitenziaria) Aldo Di Giacomo – che la nostra proposta di legge di iniziativa popolare sulla legittima difesa è una priorità di cui il nuovo Parlamento deve tenere conto”.

“Il tema della sicurezza – aggiunge – a casa propria o da anziani che vivono da soli e in attività commerciali è una delle maggiori preoccupazioni dei cittadini per il continuo ripetersi di episodi di criminalità. Per questo al cittadino deve essere data la possibilità di difendersi. L’attuale normativa di legge afferma che per usare la pistola “ci vuole un pericolo imminente”, ossia si può sparare solo se la mia vita viene messa in pericolo”.

“L’ampliamento legislativo che vogliamo – conclude Di Giacomo – è più vigilanza dalle forze dell’ordine, così da evitare il rischio di alimentare la cultura dello “sceriffo fai da te” e meno benefici dei criminali dediti a furti e rapine che non dovranno mai più usare alcuna scappatoia giuridica che sarebbe ingiusta e beffarda”.