Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Lavoratori in sciopero alla Blutec di Tito

Azienda da troppo tempo disattende gli impegni presi con il sindacato e con i lavoratori

I lavoratori della Blutec Tito in queste ore stanno scioperando contro l’atteggiamento dell’azienda che ormai da troppo tempo disattende gli impegni presi con il sindacato e con i lavoratori.

Fim Fiom e Uilm continuano a denunciare, la direzione Blutec Tito che, nonostante diversi incontri anche in sede di Confindustria, ha fatto false promesse a tutti i lavoratori.

Oggi-scrivono i sindacati in una nota- è indispensabile avere certezze su occupazione, sui piani industriali e sul futuro dello stabilimento.

Non ci sono risposte in merito, anzi al contrario si vive una situazione di totale abbandono, persino nell’approvvigionamento delle materie prime, spesso in ritardo con il rischio continuo di non riuscire ad effettuare le produzioni e rifornire i clienti Sevel, FCA Melfi e Pomigliano, la programmazione della produzione è inesistente, si vive alla giornata.

Non ci sono stati- aggiungono Fim Fiom e Uilm- neanche gli impegni assunti dall’azienda in materia di prevenzione salute e sicurezza, di effettuare manutenzione dello stabilimento ed interventi mirati a garantire il rispetto delle norme di legge e di contratto per la salvaguardia di tutti i lavoratori.

Inoltre, non sono state ancora regolarizzate le spettanze arretrate, i problemi denunciati sulla mancata erogazione del salario dei lavoratori rimangono tutti in piedi.

Le organizzazioni sindacali nel ritenere non più rinviabili le risposte aziendali, chiederanno un incontro alla Regione Basilicata per conoscere la situazione dell’azienda, ormai incapace di tenere relazioni sindacali corrette.

Nei prossimi giorni si svolgeranno le assemblee con i lavoratori per discutere le iniziative necessarie che si dovranno metteranno in campo per avere risposte certe e concrete per tutti i lavoratori.