Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Ex lavoratori Cup Basilicata: “Da sei mesi senza risposte”

Chiedono rispetto e un confronto tra Regione e Datacontact

Dopo ben 6 mesi dal mancato rinnovo del contratto, i cinque ex lavoratori dipendenti a tempo determinato della società Datacontact Srl, che hanno prestato servizio presso il Cup (Centro Unico di Prenotazione) regionale, si trovano ancora senza lavoro e senza nessuna notizia certa sull’evolversi della situazione.

Dopo tre anni di servizio presso l’Azienda, con contratti rinnovati di volta in volta per pochi mesi, i lavoratori si sono trovati nella già da tempo prevedibile situazione di mancato rinnovo.

Questo nonostante il Cup regionale, come è emerso dalle polemiche degli scorsi mesi riguardanti l’aumentata mole di lavoro e l’impossibilità di gestire le telefonate degli utenti per mancanza di personale, con conseguenti attese lunghissime e disagi per i cittadini che volevano utilizzare il servizio, abbia l’assoluta necessità di aumentare il numero di dipendenti, per poter far fronte alle numerose telefonate che deve gestire ogni giorno.

Le continue proroghe, i tempi dilatati per lo svolgimento della nuova gara per l’assegnazione della Commessa regionale, poi annullata dal Tar dopo i ricorsi delle società non aggiudicatarie per la mancanza di requisiti da parte di tutti i partecipanti, l’attesa di una nuova gara che ancora non è stata indetta, hanno portato alla fine ad una situazione di disagio che riguarda come sempre solo i lavoratori già precari.

Dopo tutto questo tempo ci sentiamo abbandonati dalle Istituzioni e dall’Azienda e poco tutelati nel diritto al lavoro che crediamo di aver maturato dopo anni di servizio. Non vorremmo che il fatto di essere in numero esiguo rappresenti una valida motivazione alla mancanza di attenzione nei confronti della nostra situazione odierna. Disoccupati. Senza stipendio. Con famiglie da mantenere. Con la stessa dignità dei lavoratori che protestano in gruppi sicuramente più numerosi e quindi più “rumorosi”.

Per questo riteniamo che un confronto tra Regione Basilicata, Datacontact e tutte le sigle sindacali sia utile per arrivare ad una soluzione non solo auspicabile ma anche a nostro avviso facilmente realizzabile con un maggiore impegno e con la volontà di tutte le parti in causa”.

Gli ex lavoratori del Cup Basilicata