Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

La faccia di Hitler sui calzini, proteste e indignazione

Insorge la direzione del Museo di Auschwitz. Il gioco sporco di un'azienda polacca

Più informazioni su

Difficile non indignarsi guardando la pubblicità di calzini, con riferimenti chiarissimi al Terzo Reich. Foto che hanno fatto esplodere la reazione di indignazione sul web.

L’azienda polacca specializzata in calze, ha tentato di vendere calzini con disegnato il faccione di Adolf Hitler accompagnato da delle piccole «x» che rievocano immediatamente il truce simbolo della svastica.

L’azienda, proprietaria del marchio Nanushki, messa sotto tiro, ha poi cercato di minimizzare cercando di nascondere le prove. Secondo il sito web della Nanushki, gli spregevoli calzini chiamati «Adolf» erano stati progettati per «mettere ordine nel cassetto dei calzini».

La notizia è rimbalzata in men che non si dica dalla Polonia agli USA, dove è stata riportata prima dal New York Post e poi subito ripresa da The Forward. Immediate le reazioni da parte dai vertici del Memoriale e del Museo di Auschwitz-Birkenau che hanno duramente criticato l’iniziativa denunciando il marchio al Central European News per aver usato «uno dei più grandi criminali della storia per scopi di marketing».

Dopo il contraccolpo, la compagnia polacca ha ben pensato di ribattezzare le calze «Adolf» nel più neutro «Patrick», un moderno finanziere che, dalle descrizioni sul sito dell’azienda, sembra possedere delle sinistre somiglianze con il dittatore. (Fonte: Sportello dei diritti)

Più informazioni su