Lavoratori Fca Melfi: Viaggiamo su autobus vecchi, con gomme lisce e porte mantenute con le funi foto

Ancora una denuncia sulle pessime condizioni dei pullman su cui viaggiano le tute blu

Un parco macchine obsoleto, pneumatici “lisci come cocomeri”, porte mantenute con le funi, aria condizionata assente. Autobus adibiti al trasporto dei lavoratori della Fca e indotto di Melfi peggio di carovane del Far west.

La denuncia delle pessime condizioni dei pullman che coprono la tratta Nova Siri- San Nicola di Melfi, arriva ancora una volta dall’Usb Basilicata.

Siamo stati contattati da alcuni lavoratori della Fca di Melfi e indotto- spiega Domenico De Stradis, dell’Esecutivo regionale Unione sindacale di Base Lavoro Privato- i quali ci hanno portato a conoscenza delle condizioni inaccettabili dei pullman della ditta Nolè, sulla tratta Nova Siri- San Nicola di Melfi.

Non è la prima volta che l’Unione Sindacale di Base denuncia questa indecente situazione ma oggi le circostanze climatiche estremamente rigide evidenziano ancor più lo stato di totale abbandono dei mezzi in questione.

È inaccettabile che un pullman in viaggio con temperature esterne tanto basse sia sprovvisto di aria calda al suo interno, questa è veramente la goccia che fa traboccare il vaso.

I lavoratori che dai paesi del materano si recano in Fca e indotto- aggiunge De Stradis- con tutti le difficoltà che già vivono per le condizioni di lavoro terribili, con queste carovane da Far west rischiano di non tornare a casa.

La ditta Nolè non è certo l’unica azienda del settore a versare in questo stato vergognoso, potremmo citarle tutte senza pericolo di essere smentiti.

I lavoratori tutti sono stanchi di affrontare viaggi che a volte durano ore, di pagare abbonamenti in modo puntuale, e di ricevere in cambio un trattamento che non viene riservato nemmeno agli animali.

Usb denuncia l’incapacità degli amministrazioni locali e degli organi di controllo ( Regione, Prefetto, Cotrab, Assessore ai trasporti) a far fronte alle innumerevoli sollecitazioni che ricevono da anni da parte sindacale e non solo.

In Basilicata un mix di incompetenze e mala gestione ha messo in ginocchio l’intero settore dell’ autotrasporto.

È arrivato il momento che queste figure istituzionali e non solo vadano a casa e lascino il posto a persone competenti.