Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Uomini robottizzati alla Fca di Melfi. Esoscheletri indossati dai lavoratori foto

Dura nota dell'Unione Sindacale di Base: "Insostenibile per un lavoratore indossare un robot"

L’ultima frontiera dell’industria 4.0 

Alla Fca di Melfi da qualche tempo si sta sperimentando un nuovo modello di lavoratore 4.0 , alcuni addetti alla produzione svolgono mansioni su postazioni di lavoro con addosso supporti  meccanici ( esoscheletri ).

L’Unione Sindacale di Base di stabilimento – in una nota – fa sapere di essere assolutamente contraria “a questo esperimento forviante e innaturale messo in atto nello stabilimento lucano.” 

È inaccettabile l’idea tanto invasiva per cui un lavoratore pur di sopportare i carichi di una postazione evidentemente insostenibile debba indossare una sorta di robot.

Sono ormai anni – continua il sindacato- che denunciamo e lottiamo contro postazioni al limite della resistenza fisica, postazioni che nel tempo hanno creato patologie importanti a coloro che le hanno dovute subire. 

Oggi scopriamo – si aggiunge-  che l’azienda anziché risolvere a monte il problema, ripristinando ritmi e postazioni idonee ad una sana vita lavorativa, ha deciso di avvalersi di supporti ancor più nocivi (sia fisicamente che psicologicamente).

“È veramente disarmante la politica aziendale mirata esclusivamente a risultati di produzione, disposta a trasformare persone in carne ossa e dignità in cyber-lavoratori .

Quanto più la tecnologia fa passi avanti tanto più l’uomo sarà obbligato dal sistema capitalistico ad adattarsi ad esso, forse è arrivato il momento di fermarsi e rimettere al centro della condizione sociale l’uomo e la sua dignità, facendo sì che le scoperte in questo campo servano a migliorare la qualità della vita e non a plasmare prototipi al servizio dei padroni. 

Siamo sicuri che quanto sta accadendo in azienda non vada assolutamente sottovalutato, creare un precedente di questa natura potrebbe portare da qui a poco a nuove forme, ancora più invasive, di adattamento dell’uomo alle esigenze di produzione ( non ci stupiremmo se per risolvere problemi fisiologici che potrebbero rallentare il lavoro a qualcuno venga in mente qualche sorta di catetere permanente ).

Inoltre crediamo che tutti i sindacati e le RLS presenti in azienda debbano dare dei chiarimenti ai lavoratori rispetto al fatto che fino ad oggi non siano intervenuti a tutelare la salute e la dignità degli stessi.

L’ USB di stabilimento continuerà a denunciare tutte le iniziative aziendali che possano ledere i diritti e la dignità dei lavoratori della Fca di Melfi.”