Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Le “Minoranze silenziose” al Museo di San Mauro Forte, in mostra le opere di Nico Paladini

L'esposizione sarà inaugurata il 26 maggio

“Minoranze silenziose” è il titolo della mostra che sarà inaugurata sabato 26 maggio dalle 18 nel Museo “In Viaggio in Basilicata” all’interno del Palazzo Arcieri Bitonti a San Mauro Forte. Saranno esposte le opere del maestro Nico Paladini.

Nico Paladini è nato a Empoli il 18 ottobre 1949 e vive attualmente a Vinci nel paese di Leonardo. Fin da bambino manifesta una spiccata tendenza verso il disegno e il colore e proprio questa inclinazione orienterà i suoi studi verso le materie artistiche. Frequenta il Liceo Artistico di Savona e Firenze e si diploma poi nel 1970 all’Istituto d’Arte di Siena. Pochi anni prima, aveva conosciuto lo scrittore Peter Kolosimo durante un singolare viaggio a Torino; affascinato dalle teorie fantastiche di questo ricercatore a proposito dell’origine della civiltà, orienta la sua iniziale produzione artistica in senso surrealista.

Sempre nello stesso periodo scopre la speleologia che alimenterà costantemente la curiosità innata verso il mondo dell’esplorazione. Ricca e variegata infatti la sua esperienza decennale nell’ambito della pratica speleologica e numerosi i viaggi in tutto il mondo nella ricerca spasmodica della conoscenza delle diverse culture anche a livello intercontinentale.

Con all’attivo una lunga esperienza in campo fotografico, alla metà degli anni ‘80 intraprende il lavoro come fotografo di moda e grafico; questa conoscenza diretta del mondo dei media lo porterà a formulare e concretizzare i concetti che sono alla base del Metropolismo, il movimento pittorico da lui fondato.

Fondamentale per il suo sviluppo artistico è stato l’incontro e la successiva amicizia con il noto gallerista Antonio Russo; con lui infatti realizzerà numerose mostre in alcune città italiane e lavorerà alla pittura come professione.

Nel giugno del ’93 il movimento del Metropolismo, sottoscritto ufficialmente con un manifesto nel 1987 dallo stesso Nico Paladini e da Antonio Sciacca, viene presentato a Roma con una grande esposizione allo Spazio Flaminio. Negli anni Novanta l’attività e la produzione artistica sono soprattutto indirizzate verso le successive mostre del Metropolismo. Hanno parlato di lui Luciano Luisi, Renato Civello, Achille Bonito Oliva, Omar Calabrese, Alberto Abruzzese, Valerio Dehò, Renato Minore, Vittorio Sgarbi, Patrice de la Perriére, Tommaso Paloscia, Giovanni Lombardi, Maurizio Vanni, Ennio Calabria, Mahmouud Salem Elsheikh, Franco Boni, Riccardo Ferrucci e Romano Petrucci.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 26 maggio al 17 giugno 2018 solo nei giorni di venerdì, sabato e domenica con i seguenti orari 10.00/13.00 e 17.00/20.00.